Scuola dell’infanzia, arriva la fondazione


Il Comune sta già lavorando alla costituzione di una fondazione per gestire le materne. Si fa sempre più concreto, così, il rischio di una privatizzazione del servizio e di pessime notizie per i precari.

24 aprile 2012 - 14:52

Si fa sempre più concreta la possibilità che i servizi delle scuole dell’infanzia bolognesi possano essere gestiti da una fondazione, con l’ipotesi tutt’altro che esclusa di una partecipazione di soggetti privati.

Il motivo ufficiale, secondo quanto ha spiegato il Comune, riguarderebbe i 500 operatori ed operatrici dei servizi educativi che, alla luce delle attuali norme sul Patto di stabilità, l’amministrazione non sarebbe in grado di confermare alla riapertura delle scuole, a settembre.

Motivazione a cui non crede affatto l’Usb: “La scusa giusta al momento giusto per licenziare tutti i precari e privatizzare i servizi all’infanzia”, è il commento del sindacato di base. La stessa Usb organizza, per il 3 maggio, “un’assemblea retribuita di tutti i precari contro le politiche di licenziamento di massa e di privatizzazione del Governo Monti e della Giunta del Comune di Bologna”.

Tweet about this on TwitterShare on FacebookShare on LinkedInShare on Google+Share on Tumblr


Articoli correlati