Parma, ancora un morto in carcere


Giuseppe Saladino era in buona salute quando lo hanno portato al carcere di via Burla, ma all’alba del giorno dopo era morto. La famiglia chiede verità e giustizia.

11 novembre 2009 - 10:53

BXP35776Giuseppe, 32 anni,  era agli arresti domiciliari per essere stato sorpreso a rubare delle monetine da un parchimetro quando, venerdì sei novembre, è stato sorpreso fuori dal domicilio e quindi tradotto in carcere dove è morto alle prime ore dell’alba di sabato.
La madre assicura che Giuseppe era in perfetta salute quando è stato portato in cella, e si è già rivolta ad un legale per assicurarsi che venga fatta luce sulla faccenda.

Tweet about this on TwitterShare on FacebookShare on LinkedInShare on Google+Share on Tumblr


Articoli correlati