NoTav, in centinaia bloccano i binari in stazione. Cariche sui manifestanti [cronaca+nuove foto]


Il presidio si trasforma in corteo e raggiunge la stazione centrale chiusa dalla Polizia, ma i manifestanti riescono ad entrare da un ingresso laterale. Riparte poi il corteo ma alcuni manifestanti restano sui binari.

27 febbraio 2012 - 19:23

> Fotografie Photoboom

> Fotografie Michele Lapini

h20:20 Si è sciolto il corteo in Pizza Netuno e anche i manifestanti rimasti in stazione hanno concluso l’occupazione e il blocco del Frecciarossa sul binario sei, lasciano però un “ricordo” , due scritte No Tav tracciate sulla locomotiva.

h19:55 Il corteo è ritornato in Piazza Nettuno dove sono in corso numerosi interventi al microfono. I manifestanti rimasti in stazione si sono nel frattempo spostati sul binario 6 dove hanno bloccato un Eurostar che si era appena fermato allo scalo.

h19:40 Dopo una mezz’ora di occupazione dei binari buona parte dei manifestanti hanno ripreso il corteo, mentre una quarantina di persone continuano a restare sui binari e dal megafono pubblicizzano l’assembea di stasera a Scienze Politiche. Le forze dell’ordine intanto continuano a presidiare la banchina del primo binario.

h19: 20 Il presidio lanciato questo pomeriggio in Piazza Nettuno in solidarietà allo sgombero della baita Clarea in Val di Susa, che ha provocato il gravissimo ferimento dell’attivista No Tav Luca Abbà, si è trasformato in un corteo che ha raggiunto la stazione centrale dietro lo striscione “Giu’ le mani dalla Val Susa, a fianco del movimento No-tav, forza Luca”. Lì ad attendere il corteo all’ingresso della stazione numerosi cordoni di Polizia e Carabinieri in tenuta anti sommossa e quasi tutte le porte chiuse con lucchetti. Durante il tentativo di entare nell’atrio della stazione sono partite almeno due cariche, ma i manifestanti sono riusciti ad entare dalla porta secondaria raggiungendo la banchina del primo binario. Centinaia di manifestanti stanno al momento bloccando i primi tre binari della stazione.

Tweet about this on TwitterShare on FacebookShare on LinkedInShare on Google+Share on Tumblr


Articoli correlati