“No alle espulsioni”, presidio alle 12 all’ufficio Immigrazione


Oggi, mercoledì 20 aprile’011 alle 12, presidio all’ufficio Immigrazione della Questura in via Bovi Campeggi 13/3. Tpo: “No alla deportazione dei tunisini, libertà ed accoglienza per tutti!”.

20 aprile 2011 - 11:21

Indietro non si torna!

No alla deportazione dei tunisini, libertà ed accoglienza per tutti!

Mercoledì 20 aprile, ore 12

Appuntamento in Questura, Ufficio Immigrazione via Bovi Campeggi 13/3

Ieri pomeriggio sono stati espulsi dall’aeroporto di Bologna due nostri fratelli tunisini. Erano arrivati in Italia a metà febbraio, dopo aver affrontato un viaggio di 24 ore in mare, in 120 su una barca partita dalle coste tunisine, nella speranza di trovare in Europa un futuro migliore di quello che viene riservato ai giovani che, nonostante la rivoluzione, restano senza prospettive di futuro e di riscatto sociale. Hanno rischiato la morte nel Mediterraneo perché sognavano la libertà, libertà di poter lavorare per progettare un avvenire dignitoso per sé e per le proprie famiglie in Tunisia.

Invece, appena sbarcati in Italia, sono stati trasportati a Bologna e rinchiusi nel Cie di Via Mattei, dove da eroi della rivoluzione dei gelsomini sono diventati pericolosi criminali da identificare ed espellere.

Per oltre due mesi sono stati dimenticati in quel carcere etnico, mentre oltre i muri alti 4 metri, il filo spinato, le grate, infuriavano dibattiti e polemiche sullo svuotamento di Lampedusa, trasformata nel frattempo in isola-prigione, sull’accoglienza, sui doveri dell’UE, sul diritto alla protezione umanitaria.

Tutto questo non li ha nemmeno sfiorati, per loro solamente giornate da prigionieri da trascorrere nelle stanze bunker presidiate dalla Polizia e dall’Esercito, senza contatti con l’esterno, senza capire e senza sapere.

Come doveva esprimersi la loro alienazione? Tagliandosi le braccia o bevendo lo shampoo? Oppure facendo delle lenzuola di carta una corda da attaccare alla doccia? Troppe volte è andata proprio così, in Via Mattei come negli altri Cie italiani. Forse la loro rabbia per una carcerazione incomprensibile si è invece espressa dando fuoco ad un materasso ignifugo, magari il Primo Marzo, mentre qualcuno cercava di squarciare il silenzio che avvolgeva i profughi tunisini parcheggiati nel Cie, rompendone l’isolamento con un atto concreto, scavalcando il muro di cinta per entrare lì dentro, in quel luogo aberrante, per raggiungere i detenuti, vederli, ascoltarli e denunciarne la segregazione illegittima.

Non sappiamo se hanno scelto quel modo di dar voce alla loro dignità calpestata, ma sappiamo che partecipare ad una rivolta altre volte è bastato per subire il massimo della ritorsione: l’espulsione forzata nel paese di origine.

Questi ragazzi avevano nominato i nostri legali, che in una corsa contro il tempo erano riusciti a depositare le domande del permesso di soggiorno per protezione temporanea previsto dal decreto del 5 aprile. Ma la Questura di Bologna ha respinto le loro domande ed in poche ore li ha imbarcati su un aereo diretto aTunisi, in spregio ad ogni diritto.

Senza darne motivazioni, senza informare gli avvocati, senza metterli nella condizione di intervenire!

Le spiegazioni che abbiamo ricevuto dal dirigente della Questura, che abbiamo preteso di incontrare durante il presidio immediatamente convocato sotto alla Questura, sono illegittime, anche giuridicamente.

La decisione di rimpatriare nottetempo i due ragazzi è ingiustificata, priva di ogni fondamento. Questo provvedimento ha negato le garanzie di rispetto dei diritti fondamentali, ignorando anche il diritto alla difesa, calpestato insieme alla dignità dei migranti mostrandoci ancora una volta la vera natura di questi centri di detenzione amministrativa: buchi neri che inghiottono le persone e le loro vite, ridotte a sagome, non-persone da dimenticare perché una volta rinchiuse lì dentro non contano più nulla, non sono più nessuno.

Non solo. Per noi questa è anche una espulsione con un messaggio politico, quello di punire senza appello chi ha scelto di usare la propria rabbia per costruire un legame con l’esterno, e che solo nell’esterno aveva trovato un sostegno.

Siamo addolorati, ma siamo anche consapevoli che Bologna ed il suo Cie, così come la sua Questura ed il suo aeroporto, sono le tessere di un mosaico europeo che in questi mesi ha affrontato gli arrivi dalla Tunisia con l’irresponsabile politica dell’emergenza buona solo per alimentare paura, xenofobia, marginalità, sfruttamento ed irregolarità. Ventimila persone scampate ai naufragi sono state disumanizzate e sequestrate a Lampedusa, segregate nei Cie, nelle caserme, nelle tendopoli, smistate come bestie, munite di un diritto di soggiorno a tempo utile solo a toglierle dal territorio italiano, respinte alle frontiere interne dell’unione europea, destinate tra pochi mesi ad essere clandestini e sanspapiers da schiavizzare e da rinchiudere nuovamente.

Indisponibili ad osservare in silenzio questi meccanismi, oggi siamo all’Ufficio Immigrazione della Questura di Bologna ad accompagnare i nostri legali per impedire che gli altri 4 ragazzi ancora al Cie siano rispediti in Tunisia.

Vogliamo:

* che siano immediatamente liberati dal Cie ed abbiano accesso al Piano di Accoglienza per i Profughi

* che abbiamo tutte le garanzie per accedere alla procedura per il permesso per protezione

* che sia rispettato il loro diritto alla difesa legale, negato invece a ragazzi espulsi ieri

Campagna Welcome, Cs TPO Bologna

Tweet about this on TwitterShare on FacebookShare on LinkedInShare on Google+Share on Tumblr


Articoli correlati