Libia / E’ il giorno della collera


Disordini nella notte, gli elicotteri dei guardiani del regime avrebbero aperto il fuoco sui manifestanti. Incertezza sul numero dei morti

17 febbraio 2011 - 13:16

(dal sito di Radio Onda d’Urto)

al-baydaGiornata della collera oggi in Libia. Gli oppositori del regime di Mummar Gheddafi hanno lanciato un appello a manifestare in tutto il paese. Il regime ha messo subito in campo i suoi strumenti repressivi. Nella notte ad Al Beida, terza città del paese, le forze governative sono intervenute contro decine di giovani scesi in strada per gridare la loro opposizione al regime. I guardiani del regime, secondo alcuni testimoni citati dai siti web dell’opposizione, sono intervenuti anche utilizzando elicotteri che avrebbero aperto il fuoco sui manifestanti. Il bilancio conclusivo degli scontri di Al Beida è ancora incerto: secondo le ong libiche i morti sarebbero 4, 9 secondo l’opposizione, altre fonti, sempre dell’opposizione, parlano invece di 13 morti. I media di regime ieri hanno velato completamente le proteste, riportando solo la notizia delle manifestazioni a favore del regime, che si sono svolte a Tripoli, Bengasi, Sirte e Sebha. Gli scontri di Bengasi, che ieri hanno visto protagonisti oppositori del regime da una parte, forze di polizia e sostenitori di Gheddafi dall’altra, non sono stati coperti nemmeno dalla stampa ritenuta più riformista. I media hanno preferito ricordare il quinto anniversario, che cade oggi, dell’attacco al consolato italiano di Bengasi nel 2006 da parte di un gruppo di libici per protestare contro le dichiarazioni del ministro Roberto Calderoli, giudicate offensive per i musulmani.

Tweet about this on TwitterShare on FacebookShare on LinkedInShare on Google+Share on Tumblr


Articoli correlati