Gli universitari in rivolta fanno propria la lotta di Vag61


Domattina andranno davanti alla Questura a chiedere le dimissioni di Merolla, poi nel pomeriggio assemblea pubblica verso il 14 dicembre e un nuovo corteo che raggiungerà il presidio al Nettuno per difendere Vag61

02 dicembre 2010 - 23:55

E’ iniziata poco dopo le 18, al termine della terza  giornata consecutiva di blocchi e azioni in città, un’assemblea nell’Aula III della Facoltà occupata di Lettere e Filosofia, che ha tirato le somme del blitz al Motor Show e dell’occupazione della Stazione San Vitale e ha delineato il programma di un nuovo giorno di mobilitazione.

Si inizia a mezzogiorno (di nuovo concentramento in Piazza Verdi) per muoversi verso la questura e lì davanti chiedere le dimissioni del questore Luigi Merolla, a cui gli studenti imputano la violenta gestione dell’ordine pubblico, con i manganelli in azione contro adolescenti e universitari davanti alla Stazione (due volte) e al Motor Show (oggi).

Alle 16 si torna a Lettere e Filosofia per l’assemblea pubblica annunciata da Bartleby con l’intento di connettere le lotte nel mondo della formazione e della ricerca alle mobilitazioni su diritti dei migranti, welfare, beni comuni, e che con tutta probabilità assumerà la data del 14 dicembre come grande appuntamento nazionale. Al termine l’intenzione è quella di formare fuori dalla facoltà un corteo che raggiunga il presidio convocato  in Piazza del Nettuno da Vag61 in seguito del mancato rinnovo della convenzione tra il Comune e lo spazio autogestito .

La decisione di instaurare una stretta connessione tra la lotta degli universitari e la campagna di Vag61 ha preso forma nell’assemblea pubblica di ieri sera in via Paolo Fabbri 110 ed è stata confermata stasera al 38 occupato. Prende le mosse dalla valutazione che a decidere della sorte di Vag61 è un commissario «a breve scadenza» direttamente nominato dallo stesso Governo contro cui si batte una rivolta che sta assumendo contorni ben più ampi della protesta studentesca.

Tweet about this on TwitterShare on FacebookShare on LinkedInShare on Google+Share on Tumblr


Articoli correlati