Fiat condannata per discriminazione: “Assuma 145 operai della Fiom”


Secondo il tribunale di Roma c’era una possibilità su 10 milioni che tra i 2.093 assunti non ce ne fosse nemmeno uno iscritto al sindacato

21 giugno 2012 - 12:47

ROMA – Secondo la simulazione statistica di un professore di Birmingham, c’era una possibilità su dieci milioni che la Fiat, assumendo 2.093 nuovi lavoratori non ne beccasse nemmeno uno della Fiom. E così il sindacato ha fatto ricorso per “discriminazione”, e il Tribunale di Roma gli ha dato ragione: ora 145 lavoratori con la tessera del sindacato di Maurizio Landini dovranno essere assunti nella fabbrica, e 19 di questi avranno anche diritto a 3.000 euro per danni.

La Fiom – spiega l’avvocato del sindacato Elena Poli – ha fatto causa alla Fiat sulla base di una normativa specifica del 2003 che recepisce direttive europee sulle discriminazioni. Ha agito per conto di tutti i 382 iscritti alla sua organizzazione e a questa cifra fa riferimento il giudice ordinando all’azienda di assumere 145 lavoratori con la tessera dei metalmeccanici Cgil.

21 giugno 2012

(dal sito dell’Agenzia Dire – www.dire.it)

Articoli correlati