Eridiana Sadam taglia la cig, proteste dei lavoratori


Sciopero e protesta dei lavoratori Eridania questa mattina a Bologna contro la decisione dell’azienda di interrompere l’erogazione della cassa integrazione.

11 gennaio 2010 - 18:54

di Francesca Coluccio

Questa mattina in via degli Agresti a Bologna, tra fumogeni e petardi, si è svolto lo sciopero nazionale dei lavoratori della Eridiana Sadam. Centinaia di lavoratori hanno protestato contro la decisione del gruppo di non rinnovare gli accordi, scaduti a fine anno, sull’integrazione degli ammortizzatori sociali a tutti quei lavoratori occupati negli ex zuccherifici e dismessi dal 2006 a seguito della riforma europea dell’Ocm.

Il segretario nazionale della Flai-Cgil Antonio Mattioli  afferma che «dopo anni di tira e molla sulla questione che riguarda la riconversione degli ex zuccherifici Eridania Sadam ha scelto di rimettere in discussione la tenuta dell’intero comparto saccarifero italiano e di compromettere il futuro occupazionale e salariale dei lavoratori del gruppo». La cassa integrazione è  scaduta a fine 2009 ma il gruppo Eridiana si rifiuta di sostenerla per il 2010.  Ad essere coinvolti in questa vicenda sono 600 persone, che salgono a 2.000 per quanto riguarda l’intero settore.

Tweet about this on TwitterShare on FacebookShare on LinkedInShare on Google+Share on Tumblr


Articoli correlati