Catanzaro / Attivista accoltellato dai fascisti, centinaia in piazza


Un attivista del Collettivo Riscossa: «Tanti compagni non possono girare da soli per la città»

21 novembre 2010 - 21:23

(dal sito di Radio Onda d’Urto)

Il movimento antifascista di Catanzaro è sceso in piazza ieri mattina dopo l’accoltellamento, avvenuto il 30 ottobre scorso, di un giovane del collettivo sociale Riscossa. In piazza sono scesi quindi in centinaia del Coordinamento antifascista cui hanno aderito varie sigle di partiti, associazioni, movimenti e cittadini. Presenti anche delegazioni provenienti da altre zone della Calabria oltre a esponenti politici tra cui l’eurodeputato di Idv, Luigi De Magistris, e istituzionali quali gli assessori comunali Danilo Gatto, Peppe Marcucci e Nicola Ventura. Molti i giovani presenti, ma tra loro c’era anche un pensionato di 75 anni venuto apposta da Grimaldi, paese del cosentino, giunto a Catanzaro con alcuni amici perché “non vogliamo morti ammazzati”. La manifestazione si è svolta in maniera tranquilla, ma il clima di tensione che ancora si respira a Catanzaro è stato evidenziato da uno dei giovani del Collettivo Riscossa che ha sottolineato come “tanti compagni non possono girare da soli per la città”

Tweet about this on TwitterShare on FacebookShare on LinkedInShare on Google+Share on Tumblr


Articoli correlati