Anpi: “Impedire il presidio di Forza nuova”


Sull’iniziativa che in neofascisti hanno in programma per sabato in piazza Galvani intervengono sia l’Anpi provinciale che la sezione universitaria.

09 febbraio 2012 - 20:04

Riguardo alle manifestazioni di Forza Nuova a Bologna e Modena, l’ANPI Provinciale di Bologna esprime il proprio parere anche in risposta ad alcuni cittadini che, seppur in buona fede, affermano che la manifestazione sarebbe legittima se non crea danni e disordini in città.

A noi preme sottolineare e ricordare con fermezza che questo movimento di estrema destra persevera dichiaratamente con l’apologia del fascismo e specificatamente non ha mai rinnegato il fascismo di Mussolini né le ideologie xenofobe. Costoro si ispirano evidentemente, non solo nelle parole ma anche nella gestualità, al vecchio fascismo. Quello stesso fascismo che trascinò l’Italia nella distruzione e nella catastrofe assolute, lo stesso che la storia ha  inesorabilmente condannato e che l’Italia dovrebbe sempre tenere a memoria per le sue gravi nefandezze.

In conclusione, l’ANPI ritiene fuori dalla legalità coloro che aderiscono a questo movimento, e reputa inoltre grave la eventuale responsabilità che le istituzioni hanno nel concedere loro spazi e possibilità di manifestare.

Chiediamo alle istituzioni democratiche italiane il richiamo alla memoria e al rispetto per le migliaia e migliaia di caduti che il nostro paese pianse a causa del fascismo.

Per la Segreteria
Ermenegildo Bugni

* * * * * * * * * *

LA PRESENZA DI FORZA NUOVA IN PIAZZA È UNO SCHIAFFO ALLA COSTITUZIONE! VA IMPEDITA! PREFETTO E SINDACO VIETINO IL PRESIDIO FASCISTA DI SABATO

L’apologia del fascismo è un reato previsto dalla legge 20 giugno 1952, n. 645 (contenente “Norme di attuazione della XII disposizione transitoria e finale (comma primo) della Costituzione”, che all’art. 4 sancisce il reato commesso da chiunque «faccia propaganda per la costituzione di un’associazione, di un movimento o di un gruppo avente le caratteristiche e perseguente le finalità di riorganizzazione del disciolto partito fascista», oppure da chiunque «pubblicamente esalti esponenti, princìpi, fatti o metodi del fascismo, oppure le sue finalità antidemocratiche».

Non c’è alcun dubbio sulla tetra matrice dichiaratamente fascista della cosiddetta “Forza Nuova”, associazione che raggruppa il peggio degli elementi xenofobi, omofobi, revisionisti storici, e che per giunta pretende la pubblica piazza per manifestare le sue idee reazionarie.

In quanto apertamente fascisti, con evidente ostentazione di simboli e parole d’ordine, ai sensi della nostra Costituzione Repubblicana ed Antifascista, Forza Nuova non ha alcun diritto ad occupare pubbliche piazze, né a Bologna, né altrove sul suolo italiano.

Altro che piazza, Forza Nuova dovrebbe, sempre a rigor di legge, essere sciolta e tutti i suoi componenti arrestati!

La Sezione Universitaria dell’ANPI chiede con forza, a Sindaco e Prefetto, il ripristino delle norme costituzionali e chiede ad essi che l’annunciato presidio di Forza Nuova in Piazza Galvani, previsto per sabato 11 febbraio p.v., venga impedito.

Bologna, città martire e antifascista, lo esige!

ANPI – Unibo

Articoli correlati