Aggredito lavoratore che chiedeva stipendi arretrati


Da un comunicato Rdb arriva la denuncia di un comportamento grave da parte di una coop sociale.

01 aprile 2010 - 19:48

Stamattina un lavoratore, previo accordo preso con il dirigente amministrativo della Coop ESSE-ERRE, si è presentato agli uffici della sede di San Petronio Elite per ricevere l’assegno dei pagamenti arretrati che l’azienda gli doveva da tempo, cioè 4 mensilità di stipendio, 2 tredicesime e la liquidazione del TFR.

Giunto agli uffici però gli è stato negato l’accesso ed è stato buttato fuori a spinte dalla sede amministrativa di San Petronio Elite. Questa struttura, che ospita anziani autosufficienti e non mandati dalle ASL e dal Servizio Sociale, è pagata dal Comune, dal Servizio Sanitario Nazionale e in parte dalle famiglie.

Nel mese di febbraio le Rdb hanno inviato una richiesta di ispezione presso la struttura all’Ispettorato del Lavoro che è avvenuta a marzo e alla quale ha seguito un’ispezione dell’INPS. Tutte e due le ispezioni confermano quanto già denunciato dal sindacato di base e cioè che nella struttura non sono osservate le norme e le misure di sicurezza, che i lavoratori operano con mezzi di protezione ed attrezzature di supporto limitate, sopportando condizioni di lavoro non rispettose delle norme, contrattuali e di legge, sull’orario di lavoro.

Le Rdb denunciano come, in un momento di tale crisi, le Coop Sociali siano in linea con le realtà aziendali private dove i diritti al lavoro e alla sicurezza sono privilegi per pochi eletti.

> Il comunicato integrale dell’Rdb:

AGGREDITO  LAVORATORE PERCHE’ CHIEDE IL PAGAMENTO DEGLI STIPENDI ARRETRATI

Stamattina un lavoratore, a seguito di un accordo preso con il dirigente amministrativo della Coop ESSE-ERRE, si è presentato presso gli uffici della sede di San Petronio Elite per ricevere l’assegno che assolveva tutte le spettanze in sospeso con l’azienda e riferite: al mancato pagamento di 4 mensilità di stipendio, alla mancata erogazione di bel 2 tredicesime e alla liquidazione del TFR, ma al suo arrivo gli è stato vietato di entrare negli uffici ed è stato spintonato fuori dalla struttura  e sede amministrativa San Petronio Elite.

Le RdB/CUB denunciano il comportamento scorretto, contrattualmente e legalmente, della Coop  ESSE ERRE che gestisce la Casa di Riposo e Residenza Sanitaria San Petronio Elite, struttura che ospita anziani autosufficienti e non autosufficienti inviati dalle ASL o dal Servizio sociale, e convenzionata/pagata dal Comune, dal Servizio Sanitario Nazionale, e in parte dalle famiglie.

Da mesi i lavoratori e le lavoratrici denunciano il mancato versamento degli arretrati per il rinnovo contrattuale, il mancato pagamento degli stipendi e in molti casi il ritardo nell’erogazione degli stipendi.

La Coop ESSE ERRE è inosservante nel merito delle norme e delle misure di sicurezza, gli operatori lavorano con mezzi di protezione ed attrezzature di supporto limitate, sopportano condizioni di lavoro pesanti non rispettosi delle norme, contrattuali e di legge, sull’orario di lavoro.

Le RdB/CUB hanno inoltrato nel mese di febbraio, una richiesta di ispezione presso l’Ispettorato del Lavoro, che nel mese di Marzo ha effettuato un controllo ispettivo presso la San Petronio Elite che conferma quanto denunciato dalla scrivente O S, e siamo a conoscenza che ne è conseguita un ispezione congiunta con l’INPS.

E’ inammissibile che in un momento di crisi i lavoratori e le lavoratrici delle Coop Sociali e del Terzo Settore oltre a subire riorganizzazioni nei propri posti di lavoro che determinano un peggioramento delle condizioni di lavoro e l’abbassamento della qualità dei servizi, debbano essere costretti anche ad essere cacciati insieme alle loro famiglie sotto la soglia della povertà, perché non essere pagati per mesi e mesi questo comporta.

Anche questa volta  riscontriamo quanto il mondo delle organizzazioni del lavoro a marchio Coop Sociali sia assolutamente in linea con quelle realtà aziendali del privato dove i diritti sono privilegi per pochi dirigenti e fedelissimi e lontani dai principi della cooperazione.

RdB-Cub Coop Sociali e Terzo Settore

Tweet about this on TwitterShare on FacebookShare on LinkedInShare on Google+Share on Tumblr


Articoli correlati