A febbraio “Cittadin++e plurali”


“Migrazioni al femminile ed incroci di cittadinanza nella società che cambia”. Un ciclo di quattro incontri al Tpo promosso da Ya Basta.

20 gennaio 2011 - 14:14

Cittadin++e plurali
Migrazioni al femminile ed incroci di cittadinanza nella società che cambia

Febbraio 2011
TPO, Via Casarini 17/5
Ore 17, 30 – 20, 30

Quattro appuntamenti per discutere con ricercatrici, operatrici, migranti, dell´identità plurale delle donne, tra culture, religioni, esperienza migratoria, controllo dei corpi e pratiche di liberazione.

Le donne nelle migrazioni al centro di un ciclo di incontri che parte dalla premessa che individuare categorie assolute e separate non serve, che i percorsi e le esperienze sono plurali, ma che la discriminazione, la precarietà, l´emarginazione sono processi che descrivono l´essere donne nella società di oggi. E´ una società che muta perché le donne migranti sono oltre la metà dei cittadini stranieri residenti, che a loro volta sono il 7% della popolazione italiana, ma è al contempo una società che conserva: non solo le donne devono sempre di più difendersi dalla violenza degli uomini, ma devono anche contrastare disparità rinnovate dalla precarietà e dal continuo attacco ai loro diritti, tra nuovi carichi e responsabilità nella “famiglia globale”, gerarchie di cittadinanza e normative che producono irregolarità e mercificazione dei corpi, criminalizzandole entrambe.

Giovedì 3 febbraio 2011
Migrazioni dall´Est Europa, lavoro di cura e famiglie globali

Francesca Alice Vianello, autrice di “Migrando sole. Legami transnazionali tra Ucraina e Italia”

Marina Olexyuk, mediatrice culturale

Giovedì 10 febbraio 2011
Il corpo nella migrazione: tratta, sfruttamento sessuale, sex working

Eleonora Costantini, Centro Stranieri Comune di Modena – Progetto Invisibile, Regione Emilia-Romagna

Porpora Marcasciano, Movimento Identità Transessuale

Giovedì 17 febbraio 2011
Donne e giovani donne migranti in Europa, tra emancipazione ed adattamento

Renata Pepicelli, ricercatrice Università di Bologna Facoltà di Scienze Politiche

Faiza Mahri, mediatrice culturale

Giovedì 24 febbraio 2011
Il rapporto col territorio tra reti, servizi, autovalorizzazione

Tiziana Dal Pra, Associazione Trama di Terre Imola

Cristina Comini, Medico ginecologa – ricercatrice Università di Bologna Facoltà di Medicina e Chirurgia

> La partecipazione è gratuita e richiede l´iscrizione:

Associazione Ya Basta! Bologna
Via Casarini 17/4 Bologna
Tel 051/6493234 – yabasta.bologna@gmail.com

Compila la scheda di partecipazione allegata e inviala via mail

Progetto promosso da:
Associazione Ya Basta! Bologna

In collaborazione con:
Progetto Melting Pot Europa
Radio Kairos Bologna, 105.85 FM
Centro Sociale TPO

Realizzato insieme a VolaBO nell´ambito del Progetto “Migrazioni al femminile: lineamenti di un fenomeno in transizione” 2010

Tweet about this on TwitterShare on FacebookShare on LinkedInShare on Google+Share on Tumblr


Articoli correlati