Editoriale

Un 25 aprile con i partigiani di ieri e di oggi [foto+audio]

Grande manifestazione antifascista, antirazzista e antisessista dalla Bolognina a piazza San Francesco. Distribuito il “pane antifascista”, tappe a Xm24, prefettura e Sacrario di piazza Nettuno, con il ricordo degli internazionalisti caduti in Siria.

25 Aprile 2019 - 16:36

“Almeno 2.000 persone”, stimano i promotori, hanno partecipato al corteo “contro tutti i fascismi, contro razzismo e sfruttamento” convocato unitariamente da centri sociali, collettivi e sindacati di base cittadini. Come annunciato, lungo tutto il percorso, è stato distribuito il “pane antifascista“, tanto ai manifestanti quanto a passanti e residenti, molti entusiasti dell’iniziativa. Le prime parole dal camion quelle dedicate al ricordo della battaglia della Bolognina.

Tra bandiere antifa, Notav, di Mediterranea, palestinesi, curde, dei sindacati di base, rosse e rossonere, e poi musica, fumogeni coloranti, molti interventi la manifestazione si  è mossa dopo le 11 da piazza dell’Unità lungo via Bolognese fermandosi a lungo davanti a Xm24, per sostenerne la resistenza e ribadirne l’importanza come presidio di socializzazione antifascista nel quartiere Bolognina. Tutte/i hanno inoltre rivolto un saluto a Rocco. Poco più avanti c’è stata occasione di ripercorrere la vicenda dell’ex Telecom.

In piazza XX Settembre è intervenuta un’attivista di Non Una di Meno, citando il recente attacco forzanovista alla Libreria delle donne e le mobilitazioni contro le adunate dei “pro-family” antiabortisti e transomofobici e il ddl pillon. Una corona col nastro “Realtà antifasciste bolognesi” è stata deposta al Sacrario dei Partigiani di piazza del Nettuno, sempre tra slogan e fumogeni. Frattanto dal camion il partecipato ricordo di Hiwa Bosco e Lorenzo “Orso“, internazionalisti delle Ypg morti nella Resistenza della Federazione Democratica della Siria del Nord. I loro stendardi hanno accompagnato dall’inizio alla fine lo striscione di apertura del corteo.

Ultima tappa, prima della conclusione in piazza San Francesco, è stata quella davanti alla Prefettura in piazza Roosevelt, per evidenziare la netta contrapposizione alle politiche del Governo contro i migranti e il razzismo istitituzionale del ministro Salvini. Ha parlato tra gli altri anche l'”equipaggio di terra” di Mediterranea.

> Guarda le foto del corteo:

 

Corteo antifascista 25 aprile 2019

 

> Alcuni interventi nel corso del corteo: