Attualità

Indulto amministrativo ai poliziotti che uccisero Aldrovandi [audio]

Anche in appello la Corte dei conti conferma la forte riduzione, decisa un anno fa, del risarcimento dovuto al Viminale. Il commento della madre Patrizia Moretti a Radio Onda d’Urto.

03 Febbraio 2017 - 17:29

(da Radio Onda d’Urto)

Federico Aldrovandi – Vignetta da “Zona del Silenzio”, graphic novel di Checchino Antonini e Alessio Spataro (2009)

I poliziotti che uccisero Federico Aldrovandi equiparati a“vittime del dovere”. A deciderlo la Corte dei Conti d’appello che ha riconosciuto l’indulto amministrativo ai 4 agenti, riconosciuti colpevoli di omicidio colposo, benefici di una legge pensata per quegli appartenenti alle forze di polizia caduti o rimasti invalidi in servizio .

Così dunque a Corte dei Conti di Roma ha decretato la conclusione del procedimento per il risarcimento al ministero di quanto pagato alla famiglia per l’uccisione di Federico: con questo provvedimento sarà ridotta a 67mila a testa per Pontani e Pollastri e 16mila per Segatto e Forlani.

Briciole rispetto ai due milioni e mezzo spesi dal Ministero degli Interni e che comunque furono già scontati a circa 600mila euro totali per i 4 assassini. La sentenza revoca anche il sequestro conservativo dei beni dei poliziotti e dichiara inammissibile l’appello del procuratore generale della Corte dei Conti dell’Emilia-Romagna contro la sentenza. Unica incombenza immediata per i poliziotti: pagare 128 euro di giudizio.

> Il commento di Patrizia Moretti, madre di Federico Aldrovandi, ai microfoni della radio

 

> Vai allo speciale: Federico Aldrovandi, ucciso dalla polizia senza una ragione, con tutte le notizie sulla vicenda pubblicate da Zeroincondotta dal 2007 a oggi

Condividi

Articoli correlati