Laboratorio Zeta: Violente cariche della polizia, arresti e feriti


Caricato violentemente dalla polizia il presidio formatosi nel centro di Palermo a seguito dello sgombero del Laboratorio Zeta. Il centro cittadino è bloccato, due militanti ancora sul tetto dello spazio sociale.

19 gennaio 2010 - 21:13

Riceviamo e publichiamo gli ultimi aggiornamenti dai compagni palermitani.

Dopo oltre 10 ore di presidio la situazione davanti il laboratorio sociale occupato Zeta è precipitata. La Polizia ha caricato violentemente il presidio di circa 200 compagn* ripetutamente respingendo i manifestanti fino alla centrale via notarbartolo. La polizia ha usato manganelli, pietre, bottiglie e legni contro i compagn*. Si contano 3 fermi di cui un ricercatore dell’università portato via in autoambulanza. Altri compagn* hanno stanno facendo ricorso a cure mediche. Sopra il tetto del centro sociale continua l’occupazione di due militanti e un consigliere comunale, i rifugiati sudanesi sono stati tutti identificati e rimangono davanti lo stabile mentre il resto dei compagni blocca via notarbartolo circondato da celere e blindati. Il centro di palermo è praticamente bloccato.

Tweet about this on TwitterShare on FacebookShare on LinkedInShare on Google+Share on Tumblr


Articoli correlati