Welfare, “muoversi per tempo e non nell’emergenza”


Appello degli educatori contro i tagli, che invitano i colleghi di Bologna e Casalecchio ad un’assemblea in calendario per mercoledì 3 ottobre’012 alle 20.

01 ottobre 2012 - 20:19

INCONTRO APERTO A TUTTE LE EDUCATRICI ED EDUCATORI
DEL TERRITORIO DI CASALECCHIO E DI BOLOGNA

Mercoledì 3 ottobre ORE 20,00

PRESSO IL CENTRO GIOVANILE BLOGOS
( Via dei Mille,25 Casalecchio di Reno)

La presente vale come invito ad un incontro aperto rivolto soprattutto ai colleghi e alle colleghe che svolgono, come noi, un lavoro socio/educativo/assistenziale sui nostri territori. Lo scopo di questo incontro è quello di raccontare cos´è oggi il Coordinamento, chi vi partecipa, cosa è stato fatto, cosa si sta facendo e cosa vorremmo fare per il futuro (ad esesmpio ci preoccupa molto la situazione lavorativa di molti colleghi ed al riguardo vorremmo confrontarci per capire cosa fare insieme, così come facciamo da un anno e più a questa parte) .

Non nascondiamo che l´idea finale è quella di poter allargare la base del nostro gruppo, per rinforzarlo e rinnovarci nelle pratiche, rendendole sempre più efficaci. Se siamo stati un riferimento fino ad oggi per tanti colleghi e colleghe, se siamo riusciti a diventare un gruppo di pressione per le diverse parti sociali del territorio casalecchiese, nei percorsi di lotta fino ad oggi, è stato grazie al supporto di tutti noi, alle reti costruite con altri soggetti, come ad esempio le associazioni delle famiglie dei ragazzi per cui molti di noi lavorano, altri gruppi di colleghi in altre realtà regionali… e vorremmo che questo continuasse ad essere.

Abbiamo la presunzione di pensare che, in questo anno e mezzo di vita, abbiamo fatto un servizio non solo a noi stessi, ma alla collettività dei nostri colleghi e all’intera collettività sociale, dal momento che, in molte occasioni, difendere il nostro lavoro significa difendere i diritti, troppo spesso trascurati, delle fasce più deboli della società.

Riteniamo che il Coordinamento sia uno “strumento” aperto e usufruibile da noi tutti, colleghi e colleghe e quindi non solo da chi lo ha creato. Siamo partiti dal presupposto che la trasversalità dei soggetti che appartengono al Coordinamento sia la forza che ci accompagna, così come il rispetto per le proprie biografie, ciascuna diversa dall´altra, ma con obiettivi comuni mportanti che riguardano i nostri diritti e la nostra condizione professionale. Ci piacerebbe andare oltre le barriere che spesso sono dovute a pregiudizi, a mancanza di informazioni corrette e che non fanno aggregare le persone. Viviamo un momento storico e sociale di enorme difficoltà per via dei tagli e di una crisi che non abbiamo creato di certo noi: operatori del sociale ma anche cittadini. Ed in questa crisi riteniamo ci si debba ormai muovere, ma sempre di più uniti, condividendo maggiormente analisi e strategie in base a quanto ciascuno può fare, ma mai dividendosi,delegando o rimanendo passivi. Non si può e non si deve rimanere soli. Non è più il tempo. Su questa scorta abbiamo voluto e chiesto l´unione dei sindacati laddove è stato possibile e continueremo a farlo. Su questa scorta abbiamo sempre chiesto la collaborazione di altre categorie, associazioni e forze politiche vicine, difendendo sempre con molta chiarezza la nostra identità: Educatori contro i tagli per la difesa di un welfare più giusto, per la difesa della nostra professione e del nostro lavoro.

Lo stato attuale delle cose ci fa supporre che quanto fatto fin qui, benché positivo, non sia finito. Pensiamo ci sia ancora molto da fare e che ci si debba muovere per tempo e non nell´emergenza (che per altro è sempre), così ci appelliamo al senso civico (che per noi corrisponde anche a quello professionale, visto il mestiere che facciamo) di ognuno di noi, chiediamo di confrontarci e di dirci, insieme, come andare avanti. Lo vogliamo fare sapendo che partiamo da strumenti positivi, che ci siamo già costruiti e che riteniamo siano patrimonio di tutti noi. Vi aspettiamo numerosi dunque mercoledì 3
ottobre ore 20 presso il Centro Giovanile Blogos di Casalecchio in via dei Mille, 25.

Educatori uniti contro i tagli

Tweet about this on TwitterShare on FacebookShare on LinkedInShare on Google+Share on Tumblr


Articoli correlati