Ventitre educatrici costrette a fare la spola tra i nidi


Usb denuncia la mancanza di continuità educativa, e annuncia iniziative contro una “scelta che non rispetta le promesse elettorali di Merola”.

04 settembre 2012 - 17:47

Ventitre educatrici di sostegno dei nidi comunali relegate a coprire supplenze, passando da un nido all’altro per tutto l’anno scolastico, con buona pace della continuità educativa. A denunciare il caso è Usb. “Un’educatrice che inizia adesso con l’apertura dei nidi e si occupa dell’inserimento dei bambini è facile che venga spostata a breve”, spiegano dal sindacato: i bimbi, quindi, vedranno cambiare l’educatrice in maniera repentina.

“Organizzeremo qualcosa contro questa scelta, che come al solito non rispetta le promesse elettorali del sindaco Virginio Merola”, e smentisce le parole dell’assessore alla scuola Pilati, che – riferisce sempre Usb – ha spesso “sbandierato” proprio l’importanza continuità educativa.

Tweet about this on TwitterShare on FacebookShare on LinkedInShare on Google+Share on Tumblr


Articoli correlati