Utopia: “Le intimidazioni non ci fermeranno”


Intervento alla notte bianca, poi studente identificato dalla Polizia. Il collettivo: “Oggi come non mai le lotte sembrano spaventare chi ci governa, continueremo sulla strada del conflitto”.

11 ottobre 2011 - 18:37

Siamo studenti e studentesse delle scuole superiori di Bologna, da anni ormai scendiamo nelle piazze, attraversiamo i movimenti e costruiamo percorsi di lotta che oggi come non mai sembrano spaventare chi ci dirige e ci governa.

Siamo un corpo collettivo che da mesi si autorganizza e propone la vera alternativa a questa crisi e a questo governo: quella che vive nelle lotte e nella presa di parola di tutti e tutte noi.

Giovedì 6 ottobre abbiamo occupato il cortile della succursale del Liceo Minghetti e lì abbiamo dato vita ad una notte di musica, parole ed arte. Una giornata ed una notte che ha visto protagonisti tant* studenti dalle scuole di Bologna, che con la partecipazione di artisti del teatro, del video e della musica ha fatto vivere uno spazio normalmente reso inaccessibile alle nostre esigenze e alle nostre forme di espressione.

Già in quel caso le forze dell’ordine avevano provato a fermare i nostri percorsi, ma di fronte alla risposta collettiva degli studenti in lotta, sono stati costretti a rinunciare. Oggi, uno degli attivisti del collettivo interscolastico Utopia è stato vittima di una banale e vile intimidazione da parte di costoro. Appostati nei pressi di Vag61, luogo dove ogni martedì ci riuniamo, hanno aspettato che lo studente si trovasse solo per fermarlo e richiederne l’identificazione.

Scriviamo per rendere noto il fatto e per ribadire ancora una volta che non saranno queste vili intimidazioni a fermare le nostre lotte, continueremo sulla via del conflitto e dell’alternativa perchè sappiamo che il futuro che ci spetta dovrà essere conquistato.

Se non ora quando? Se non noi chi?

Collettivo Utopia

Tweet about this on TwitterShare on FacebookShare on LinkedInShare on Google+Share on Tumblr


Articoli correlati