Usb al corteo del due agosto: “No alle bombe di stato, da Bologna a Tripoli”


Il sindacato di base annuncia che sarà al corteo che partirà lunedì 2 agosto 2011 alle 9 in Piazza del Nettuno, contro depistaggi e muri di gomma ma anche contro le spese militari

31 luglio 2011 - 16:41

> Il comunicato dell’Unione Sindacale di Base:

2 AGOSTO 1980 – 2 AGOSTO 2011
GIUSTIZIA E VERITÀ PER TUTTE LE STRAGI

A 31 anni di distanza dalla strage delle stazione di Bologna, USB scenderà
in piazza e come tutti gli anni parteciperà alla manifestazione indetta
dall’associazione dei familiari delle vittime per chiedere verità e
giustizia su questa e sulle tante stragi di cui attendiamo ancora di
conoscere mandanti e fini.

Verità e giustizia che sono state coperte da depistaggi, muri di gomma,
deviazioni di parte di apparati dello stato e dalla colpevole
responsabilità dei vari governi che puntualmente ogni anniversario hanno
promesso di rimuovere “il segreto di stato” ed ancora non l’hanno fatto.

Per il secondo anno consecutivo, il Governo ha deciso di non essere presente
alla commemorazione della strage, mentre ha appena varato una manovra
finanziaria lacrime e sangue, votata in tutta fretta con il concorso
“responsabile” dell’opposizione, su pressione di Napolitano e sigillata con
il nuovo patto sociale siglato da CGIL CISL UIL e Confindustria: una vera
macelleria sociale sulla pelle dei settori più deboli della società.

Mentre si tagliano le spese sociali, si licenzia, si comprimono i salari e
si riducono i diritti, si continuano a finanziare, sempre in maniera
bipartisan, le missioni di guerra e l’acquisto di caccia bombardieri.

Su questo caratterizzeremo la nostra presenza quest’anno con uno striscione
con scritto

NO ALLE BOMBE DI STATO
DA BOLOGNA A TRIPOLI

Tweet about this on TwitterShare on FacebookShare on LinkedInShare on Google+Share on Tumblr


Articoli correlati