Trovata una soluzione temporanea per il Lazzaretto


Una sede per laboratori e uffici nell’ex palazzina del Dazio di Via Mattei, mentre per i concerti si potronno utilizzare gli spazi vicino al Link.

27 dicembre 2009 - 17:01

Alcuni quotidiani, questa mattina, hanno dato la notizia di un accordo tra il Comune di Bologna e lo spazio autogestito Lazzaretto per un trasferimento temporaneo delle attività del centro sociale in uno stabile dell’Amministrazione comunale. Si tratta dell’ex palazzina del Dazio di via Mattei, un immobile occupato diverse volte in passato da immigrati senza casa e, negli ultiimi anni, affittato come minimarket di frutta e verdura. Nei locali di via Mattei si terrebbero le attività laboratoriali, gli stages, gli incontri, mentre per i concerti e gli eventi a più forte impatto, il Lazzaretto potrà usare le strutture del Link. Negli articoli non è spiegato se si tratta delle case coloniche ristrutturate posizionate in via Fantoni (è la cosa più probabile, se ne era parlato anche durante le trattative) o del Link stesso. Giorgio Simbola, portavoce del centro sociale, ha detto che è stata accettata questa proposta perché, fra circa un anno e mezzo, verrà trovata la sede definitiva per il Lazzaretto in spazi idonei a contenere tutte le attività. Questo è quanto si apprende dagli articoli dei giornali, un contatto diretto con gli attivisti del Lazzaretto, in questi giorni di festività, non ci è stato possibile.

Tweet about this on TwitterShare on FacebookShare on LinkedInShare on Google+Share on Tumblr


Articoli correlati