Torino / G8 Università 2009, “Sparagna le spara grosse!”


Le richieste del Pm: dai 2 anni e 6 mesi ai 2 anni e 8 mesi per tutt* gli/le imputat*. Ripubblichiamo da Infoaut

26 settembre 2012 - 20:03

Il Pm incaricato del processo contro l’Onda anomala per la manifestazione del 19 maggio 2009 contro il G8 University Summit ha chiuso oggi la sua richiesta con le richieste di condanna per 19 imputat*. Oltre ai soliti capi di imputazione contro i manifestanti: resistenza, lesioni, violenza Sparagna chiede anche l’imputazione di un “concorso morale e materiale” per tutt* gli imputati e le imputate.

Chiede inoltre di non concedere le attenuanti generiche (solitamente concesse) e chiude la richiesta con pene dai 2 anni e 6 mesi ai 2 anni e 8 per tutt* coloro che non hanno accettato il patteggiamento o il rito abbreviato.

Aveva aperto il processo paragonando il sasso lanciato alle P38, lo chiude chiedendo pene spropositate, equiparando tutti i reati contestati perché dietro tutti ci sarebbe la volontà e il concorso materiale a porre in essere una giornata di “violenze”. Motiva le sue richieste spiegando che questo processo deve avere funzione “simbolica” (leggi: politica) proprio per la particolare fase storica e il contesto delicato del paese (leggi: la crisi e i primi embrioni di protesta). Non importa cosa gli/le imputati/e hanno fatto, quanto schiaccianti (o labili) siano le prove, conta la semplice presenza in un corteo che ha agito un certo livello del conflitto sociale.
Si riconferma insomma la natura e l’impostazione tutta politica di un processo che l’accusa vuole esemplare e punitivo.

Staeremo a vedere quale sarà il responso del collegio giudicante.
Le requisitorie degli avvocati della difesa si terranno il prossimo 9 ottobre. Già in giornata potrebbe esserci la sentenza.

(da Infoaut)

Tweet about this on TwitterShare on FacebookShare on LinkedInShare on Google+Share on Tumblr


Articoli correlati