Torino / Cacciato dopo la contestazione a Bonanni, appello: “Il dissenso non si licenzia”


Un giovane operaio è stato licenziato dalla ditta dove aveva lavorato per dieci anni dopo aver partecipato alla contestazione nei confronti del segretario Cisl. Pubblichiamo da Infoaut un appello per il suo reintegro.

27 ottobre 2010 - 20:07

Appello per il reintegro al lavoro di Damiano Piccione

Damiano Piccione è un giovane operaio edile che ha a cuore il suo futuro e quello di tutti, non rimanendo indifferente agli attacchi continui ai lavoratori e alle lavoratrici.
Come operaio si è sempre contraddistinto per l’impegno, per la sicurezza sui luoghi di lavoro, che nel campo edile è uno di quei costi che i padroni tagliano molto volentieri.
E’ un operaio come molti che però non rimane indifferente a ciò che capita intorno a lui, s’informa, si organizza e lotta per i propri diritti, come dovrebbero fare molti più lavoratori.
Con questo spirito Damiano ha partecipato alla contestazione contro il leader della Cisl Bonanni alla festa del Pd. Con lo spirito di chi non si ritiene un numero da mettere a bilancio ma un lavoratore che ha delle cose da dire a chi, con metodo, sta svendendo i diritti dei lavoratori.
Ha partecipato alla contestazione ed è stato riconosciuto da alcuni esponenti della Cisl con cui aveva animatamente discusso molte volte, visto il ruolo di responsabile della sicurezza e da RSU di cantiere che aveva ricoperto in passato.
Uno di loro, in particolare, come si può ben vedere nei video diffusi, tentò di colpirlo con una sedia.
Da qui la rappresaglia di padroni e sindacato:  la ditta per cui Damiano lavorava, ITINERA S.p.A. del gruppo Gavio, il 9 ottobre gli comunicava, dopo averlo sospeso, il licenziamento per giusta causa (ex art.2119 c.c.), perché riconosciuto in televisione e sui giornali tra i contestatori a Bonanni.

Il grimaldello per licenziarlo?
Quel giorno Damiano era in malattia, certificata dal medico addetto ai controlli da parte dell’INPS. E’ bene notare che Damiano aveva già ricevuto i controlli in mattinata. Soprattutto, l’INPS non gli aveva contestato nulla.
Itinera S.p.a, evidentemente ben consigliata, gli contesta di aver rotto i suoi impegni ed obblighi lavorativi nei riguardi dell’azienda, con cavilli legali di raro utilizzo nelle cause tra lavoratori e padroni.

La verità è che Damiano è stato licenziato perché ha dissentito all’ordine di pace sociale imposto per smembrare il contratto collettivo dei metalmeccanici, per erodere i diritti di tutti i lavoratori e delle lavoratrici.
Saranno le udienze del giudice del lavoro a parlare dal punto di vista legale.
In questa vicenda, noi chiediamo che a Damiano non sia tolto per rappresaglia il suo diritto al lavoro e al dissenso!

Chiediamo l’immediato reintegro di Damiano Piccione presso l’azienda ITINERA S.p.A.

> Per adesioni: ildissensononsilicenzia@gmail.com

Massimo Favro Rsu Fillea Cgil Val di Susa
Rosa Pilloni Chivasso (TO) Rsu Fiom Cgil Chivasso(to)
Pasquale Rsu Fiom Cgil Grugliasco
Stefano Vannicelli Rsu Flc Cgil Università di Torino
Massimo Cappelli Rsu Flc Cgil Università di Torino
Stefano Demichelis Rsu Flc Cgil Università di Torino
Marco Congiu Direttivo Fiom Cgil Torino centro
Vincenzo Caliendo Rsu Cobas Mirafiori Torino
Piero Bernocchi Esecutivo Nazionale Confederazione Cobas
Vincenzo Miliucci Esecutivo Nazionale Confederazione Cobas
Pino Giampietro Esecutivo Nazionale Confederazione Cobas
Pino Iaria Esecutivo Nazionale Confeder. Cobas Scuola D
omenico Teramo Esecutivo Nazionale Confederazione Cobas
Marco D’Ubaldo Esecutivo Nazionale Confederazione Cobas
Gabriella Filippi Esecutivo Nazionale Cobas
Roberto Spagnolo Esecutivo Regionale Piemonte Cobas Scuola
Raffaele Sciortino, Conf. Cobas Torino
Pino Capasso Conf. Cobas Scuola e Privato
Lucca Salvatore Stasi Conf. Cobas Taranto
Luca Tavano Conf. Cobas Lavoro Privato Napoli
Marco Scavanini Conf. Cobas Scuola Genova
Alessandro Nannini Conf. Cobas Lavoro Privato Firenze
Francesco Masi Conf. Cobas Scuola Basilicata
Bobo Aprile Conf. Cobas Brindisi
Fabrizio Onofri Conf. Cobas Roma
Teresa Vicidomini Conf. Cobas Salerno
Comitato Docenti Salerno
Renato Franzitta Conf. Cobas Sicilia
Mario Tucci Conf. Cobas Laterza (Taranto)
Giancarlo Della Corte Conf. Cobas Sardegna
Rosanna Fragomeni (Coord. Reg. Pubblico impiego USB)
Luigi Casali (Coord. Regionale del Piemonte USB)
Antonio Lania (Resp. Reg.Settore servizi USB)
Antonio Cimino (Segr. Territoriale Ivrea USB)

Diego Novelli (direttore di Nuova società)
Andrea Doi (Caporedattore Nuova Società)
Giulia Zanotti (Caposervizio Nuova Società)

Tweet about this on TwitterShare on FacebookShare on LinkedInShare on Google+Share on Tumblr


Articoli correlati