Teatro comunale, indagati tre sindacalisti


Il sopritendente Tutino li ha fotografati e denunciati per il presidio permanente davanti al suo ufficio. Ci aveva già provato per l’occupazione di aprile.

26 luglio 2010 - 18:23

Scattano le denunce per le proteste dei lavoratori del Teatro comunale di Bologna. Tre sindacalisti, infatti, sono sotto indagine per interruzione di pubblico servizio e oltraggio a pubblico ufficiale. E’ stato il soprintendente del Teatro, Marco Tutino, a denunciarli fornendo alla Digos anche delle ‘prove’: il soprintendente, infatti, è arrivato al punto di fotografare i tre in modo che potessero venire identificati. L’accusa è quella di aver impedito a Tutino di lavorare, ai primi di luglio, con il presidio permanente di protesta che da tempo viene svolto davanti al suo ufficio. La denuncia del sovrintendente e’ arrivata in Procura dove, in base al rapporto della Digos, è stato aperto un fascicolo. I sindacalisti sono accusati anche dalle dichiarazioni dell’addetta stampa del Teatro comunale, che ha testimoniato confermando la denuncia di Tutino.

Tutino, probabilmente, si è improvvisato fotografo per evitare un’altra denuncia archiviata. Ad aprile, infatti, aveva già denunciato i sindacalisti per l’occupazione del Teatro (una protesta contro il decreto sulle fondazioni lirico-sinfoniche) ma tutto fu archiviato, restando contro ignoti. Non e’ escluso, infine, che per uno dei tre sindacalisti scatti anche una denuncia per violenza privata: stando alla denuncia di Tutino, ad un certo punto avrebbe anche messo il piede a fermare la porta per impedire di chiuderla.

Tweet about this on TwitterShare on FacebookShare on LinkedInShare on Google+Share on Tumblr


Articoli correlati