“Solidarietà ai writers, mentre si parla di tutto tranne che dell’essenziale”


Comunicato di BolognaPrendeCasa: “Ci auguriamo che su tutti i muri di Bologna compaiano scritte, murales, graffiti, che parlino delle battaglie per il lavoro, la casa e i diritti”.

11 maggio 2011 - 21:07

Texas Rengers a Bologna

Dopo un finale di campagna elettorale contraddistinto da liti sulle preferenze sessuali dei leghisti, sulle conoscenze storiche della squadra di calcio del Bologna, sul pericolo rosso o il pericolo nero, abbiamo un’altra perla che ci regala il mondo padronale, politico, giornalistico, giudiziaziario: maxi operazione contro pericolosissimi writer ieri e oggi a Bologna!
Le minuziose descrizioni delle perquisizioni, se non si sapesse che sono drammaticamente vere ricorderebbero una burla da 1 aprile. Bombolette costose… mascherine per immagini e diabolici pennarelloni… sequestrati, con vigorosi poliziotti e vigili che finalmente possono come nostrani texas rengers guardare dall´alto la città e sospirare per lo scampato pericolo…

E´ fin banale ricordare che in questi ultimi giorni di campagna elettorale si è parlato di tutto tranne che l´essenziale. E´ da alcuni giorni che disoccupati, sfrattati, cassa-integrati e lavoratori hanno allestito sotto la regione Emilia Romagna una tendopoli per rimettere al centro della discussione problemi quali il lavoro, la casa, i diritti e la dignità. Un tentativo concreto di mettere a rete le diverse situazioni sociali che oggi subiscono la crisi e che non si arrendono alle logiche del presente. Tutto questo nell´assordante silenzio dei media e della politica.

Bologna e più in generale la regione Emilia Romagna è attraversata da una crisi profonda che ha investito il suo sistema economico-sociale, creando inedite emergenze quali la casa e il lavoro. Di fronte a tutto questo invece di scommettere su ipotesi di bene comune e collettivo si mantiene intatta una politica tesa a tutelare la speculazione finanziaria e la rendita,
posizione che vede convergere il centro-sinistra con il centro-destra, i sindacati concertativi con i padroni.

Ai writers colpiti dalla repressione va la nostra solidarietà, e ci auguriamo che su tutti i muri di Bologna compaiano scritte, murales, graffiti, che parlino delle battaglie per il lavoro, la casa e i diritti. Se la cosa può irritare qualcuno, ce ne dispiace, ma troviamo ben più offensive le decine di facce di politici e cartelloni pubblicitari di ennesimi cantieri che pubblicizzano la cementificazione e la speculazione immobiliare e del suolo della nostra città.

BolognaPrendeCasa

Tweet about this on TwitterShare on FacebookShare on LinkedInShare on Google+Share on Tumblr


Articoli correlati