Siria / Sangue ad Hama e Homs


35/o venerdì di protesta, 24 vittime delle forze di sicurezza. Il consiglio nazionale degli oppositori al regime chiede protezione alla comunità internazionale

28 ottobre 2011 - 17:26

Le forze di sicurezza Siriane hanno ucciso almeno 24 persone aprendo il fuoco sui manifestanti in piazza, come ogni venerdì, contro il presidente Bashar al Assad. La maggior parte delle vittime si sono registrate a Hama e Homs. A Barza, distretto della capitale Damasco, le forze di sicurezza hanno arrestato almeno 40 persone.

Il consiglio nazionale dell’opposizione Siriana ha chiesto protezione alla comunità internazionale, senza parlare esplicitamente di intervento militare.

I manifestanti anti-Assad si sono rafforzati a seguito della morte di Gheddafi in Libia, ma i numeri in piazza sono ancora inferiori a quelli precedenti la cruenta reazione militare di luglio. Da marzo sono oltre tremila le persone uccise dai militari. Il regime intanto continua a inscenare manifestazioni a proprio sostegno

Tweet about this on TwitterShare on FacebookShare on LinkedInShare on Google+Share on Tumblr


Articoli correlati