Siria / Anche gli elicotteri contro la piazza


Le forze governative alzano il tiro nel tredicesimo venerdì di protesta, finora 1200 morti e 10mila arresti. Emergenza profughi in Turchia.

11 giugno 2011 - 23:28

Come ogni settimana si formano cortei in diverse città al termine della preghiera del venerdì, che si scontrano con la ferocia dell’esercito, appoggiata questa volta anche da diversi elicotteri. Una trentina di dimostranti sono stati uccisi.

A Maaret al Nouman, nel nord del paese, le maggiori violenze, in rappresaglia della strage di poliziotti che sarebbe avvenuta in una zona limitrofa negli scorsi giorni. Secondo l’opposizione, però, a morire sarebbero stati agenti che rifiutavano di sparare sulla folla, uccisi dai propri colleghi o superiori.

La Turchia ha già accolto 4300 profughi in tre campi nei propri territori di confine.

Tweet about this on TwitterShare on FacebookShare on LinkedInShare on Google+Share on Tumblr


Articoli correlati