Sfratto rinviato in via Ferrarese


Comunicato di Asia-Usb e Bologna Prende Casa. Sotto sfratto è una famiglia monoreddito di quattro persone, due delle quali minori.

08 giugno 2011 - 14:23

Oggi 8 giugno, si è tenuto un presidio anti-sfratto, in via ferrarese. Gli inquilini sotto sfratto sono una famiglia di 4 persone, monoreddito con due minori. La perdita del lavoro di uno dei genitori ha fatto si che risultasse  impossibile il pagamento dell´affitto di 600 euro al mese.
Grazie al presidio organizzato dal movimento di lotta per la casa con il supporto di alcuni ragazzi di ItalianRevolution si è riusciti ad ottenere  un rinvio (è il terzo) a settembre. Allo sfratto è intervenuta la polizia,  il medico dell´USL e l´ufficiale giudiziario.

Questo rinvio dovrebbe permettere alla famiglia di entrare in graduatoria per l´ERP, ma ci sono migliaia di famiglie sotto-sfratto o già senza casa che non hanno possibilità di avere un´assegnazione di casa popolare. E´ un scandalo che esistano centinaia di alloggi sfitti, privati e pubblici, che permettono di far lievitare il mercato immobiliare a vantaggio della rendita e degli speculatori.

Il movimento di lotta x la casa continuerà ad organizzare gli sfrattati, attraverso i presidi-anti-sfratto, perché solo con la mobilitazione si può resistere alla crisi, e al tempo stesso è già da alcune settimane che ha aperto le liste di auto-assegnazione x la casa, per trovare una soluzione immediata a chi è già senza alloggio oggi. In campagna elettorale si sono sentiti numerosi proclami in merito alla questione abitativa, e la giunta si è ripromessa di trovare soluzioni all´emergenza, non ricorrendo più al manganello.

La soluzione deve essere un´inversione di tendenza rispetto alle politiche di vendita del patrimonio pubblico (aree militari e piano annuale di alienazioni), rimettendo al centro i beni comuni e gli interessi collettivi a scapito dei soliti interessi individuali…. legati alla rendita e alla speculazione.

Bologna Prende Casa
ASIA-USB

Tweet about this on TwitterShare on FacebookShare on LinkedInShare on Google+Share on Tumblr


Articoli correlati