Rimini / Sessismo alla ‘notte rosa’ di Riccione, con i loghi delle amministrazioni locali


Riccione tappezzata dei manifesti di un’iniziativa denominata “fi.GA’ e bomboloni”, con tanto di foto di una soubrette televisiva. La provincia: il nostro logo non era autorizzato

24 giugno 2010 - 17:35

Manifesto 3 luglio 2010 Quello che vedete qui a sinistra, con tanto di loghi di Comune di Riccione e Provincia di Rimini, è il manifesto di un’iniziativa nell’ambito della “Notte rosa” prevista Sabato 3 luglio nella località balneare di , organizzata da una quantomeno dubbia “Associazione RiccioneAbissinia”, . bottiglia“Fi.GA’.” starebbe per “Fiori di Guaranà” e sarebbe la bibita che vedete nella foto a destra.

Si legge nel programma dell’iniziativa: “Distribuzione gratuita di 2.500 bottigliette della bibita di nome ‘fi.GÀ.’, bevanda analcolica a base di guaranà, distribuita dalla Luxury Import S.r.l. di Padova.
La distribuzione gratuita di tale bibita ha suscitato l’interesse del pubblico grazie al provocante accostamento delle parole chiave della serata:”

In provincia è subito scoppiato il caso, e l’amministrazione ha annunciato che agirà legalmente contro “RiccioneAbissinia”: l’uso del logo non sarebbe stato autorizzato. Per ora nessuna notizia dal Comune di Riccione. Resta comunque che il complesso delle iniziative della “Notte Rosa”, compresa questa grossolana offesa sessista alla dignità della donna,  è sovvenzionata da soldi pubblici.

Tweet about this on TwitterShare on FacebookShare on LinkedInShare on Google+Share on Tumblr


Articoli correlati