Senza fissa dimora di nuovo in Comune: Palazzo D’Accursio blindato


Un gruppo di senza fissa dimora è tornato sotto il Comune per protestare contro le decisioni dell’amministrazione, che schiera le forze dell’ordine per impedire ogni accesso al municipio.

01 aprile 2011 - 13:13

Dopo la prima protesta di ieri, un gruppo di senza fissa dimora è tornato oggi a protestare sotto le finestre del Comune di Bologna, radunandosi nei pressi del Voltone del Podestà,  in vista della chiusura del dormitorio di via Capo di Lucca e, più in generale, la fine della cosiddetta “emergenza freddo” che consente l’ingresso nelle strutture anche ai non residenti. La risposta dell’amministrazione comunale è stata quella di far trovare Palazzo D’Accursio letteralmente blindato.

Diversi mezzi delle forze dell’ordine, infatti, sono stati schierati in piazza Maggiore e gli ingressi del municipio sono presidiati. Oltre all’accesso dell’anticamera del sindaco e’ stato chiuso anche il cancello all’imbocco dello scalone dei cavalli, tanto che per accedere ai piani superiori del municipio occorre servirsi dell’ascensore (presidiato dai vigili urbani). Il commissario Anna Maria Cancellieri è assente e la situazione dei senza fissa dimora è affidata al subcommissario Raffaele Ricciardi e al direttore del dipartimento Servizi alle famiglie.

Tweet about this on TwitterShare on FacebookShare on LinkedInShare on Google+Share on Tumblr


Articoli correlati