Scuola, migliaia in piazza contro il Governo [report+foto]


Il corteo degli studenti medi ha sfilato da piazza XX settembre a piazza Santo Stefano per manifestare contro le politiche del Governo sulla scuola. Il report e le foto del corteo.

08 ottobre 2010 - 11:44

Almeno 5.000 studenti, questa mattina, hanno partecipato alla manifestazione contro le politiche del Governo sulla scuola promosso dal Coordinamento degli studenti medi bolognesi. Il corteo è partito da piazza XX settembre sfilando per via Indipendenza e via Rizzoli, per concludersi in piazza Santo Stefano. Al microfono (tre i camioncini con musica a tutto volume) si sono alternati interventi del Csmb, del Cas e del Coordinamento dei precari della scuola, mentre in corteo erano presenti quasi tutti gli istituti superiori di Bologna (come Righi, Copernico, Minghetti, Sabin, Da Vinci, Aldrovandi-Rubbiani, Isart, Laura Bassi e Itis Belluzzi). In piazza anche delegazioni di ricercatori e di studenti universitari.

Arrivando sotto le Due torri, una parte del corteo ha deciso di imboccare per un tratto via Castiglione con l’obiettivo di avvicinare la protesta degli studenti alla sede di Unindustria in via San Domenico, dove si stava svolgendo un presidio della Fiom, per poi riunirsi al resto della manifestazione in piazza Santo Stafano. “Abbiamo fatto una piccola deviazione- spiega uno studente del Cas- per ricordare che protestiamo non solo contro la Gelmini. La sua legge fa parte di un disegno piu’ grande, di cui parte anche Confindustria, per far pagare la crisi solo a studenti e lavoratori”.

Tanti gli striscioni contro i tagli del Governo alla scuola: “Studenti e precari in lotta verso il nostro futuro”; “Scuola di qualita’ senza soldi non si fa”; “8 miliardi di euro, 90.000 cattedre e 50.000 Ata in meno: ma non hanno ancora fatto i conti con noi”. In piazza Santo Stefano, alla fine, non e’ mancato il consueto “vaffanculo” al ministro dell’Istruzione, Mariastella Gelmini.

> Le foto della  manifestazione:

Tweet about this on TwitterShare on FacebookShare on LinkedInShare on Google+Share on Tumblr


Articoli correlati