Precari della scuola, corteo nazionale contro il concorso-truffa [info pullman e permessi]


Continua la mobilitazione degli insegnanti senza cattedra, appuntamento sabato 22 settembre’12 h14.30 in Piazza dell’Esquilino. Il Coordinamento bolognese organizza gli autobus per la capitale e spiega come ottenere la giornata libera per chi è in servizio.

18 settembre 2012 - 17:29

Dopo i presidi davanti agli Uffici scolastici di molte città italiane lo scorso 4 settembre e la contestazione a Profumo alla Festa democratica di Modena, il prossimo appuntamento della mobilitazione dei precari della scuola contro quello che definiscono un concorso-truffa è il corteo nazionale previsto a Roma sabato prossimo 22 settembre, convocata anche in opposizione alla “Legge Aprea che privatizza la scuola sostituendo gli organi collegiali con un un consiglio di amministrazione in cui i privati la faranno da padrone”  e alla “riduzione di un anno di scuola alle superiori”, che “significherebbe la fine della scuola statale e alla fine dei precari nelle graduatorie ad esaurimento, per via degl ulteriori tagli di personale”.

L’appuntamento è alle 14.30 in Piazza dell’Esquilino. Da lì la manifestazione raggiungerà Piazza Bocca della Verità. Per arrivare a Roma da Bologna ci sono i pullman organizzati dal Coordinamento Precari della Scuola: l’indirizzo mail a cui rivolgersi per prenotare è precariscuola.bologna at gmail.com.

Il Coordinamento informa anche che per chi vuole partecipare alla manifestazione, ma sabato è in servizio, ci sono due possibilità: iscriversi a uno dei due seminari di formazione previsti per il 22 settembre a Roma, organizzati rispettivamente da Cobas e Anief proprio per dare la possibilità di partecipare alla manifestazione (ogni precario ha diritto a 5 giornate di aggiornamento), oppure chiedere un giorno di permesso non retribuito per motivi personali. “Il giorno di permesso – si specifica – non è a discrezione del dirigente scolastico”. Maggiori informazioni sono disponibili sul blog del Coordinamento stesso.

Tweet about this on TwitterShare on FacebookShare on LinkedInShare on Google+Share on Tumblr


Articoli correlati