Rifiutiamo l’ennesima provocazione di Casapound! [adesioni in aggiornamento]


Molte realtà antifasciste bolognesi danno appuntamento sabato 26 febbraio 2011 ore 14 davanti alla sede del Quartiere in via Santo Stefano 119, dove i neofascisti vorrebbero tenere la loro iniziativa

24 febbraio 2011 - 17:38

> Il comunicato:

Quindici giorni fa le culture antifasciste espresse da questa città hanno respinto con la loro mobilitazione l’ennesimo tentativo di aprire a Bologna una sede di CasaPound, una organizzazione politica che rivendica il passato e l’attualità del fascismo e della sua ideologia nazionalista, sessista e razzista. La mobilitazione creativa e collettiva di tanti e tante ha trovato eco nell’indignazione diffusa e costretto i provocatori a desistere dal loro intento.

Purtroppo il nostro invito a tentare la conquista di Marte non è stato accolto, e i nostri stolidi anti eroi vagheggiano un’improbabile rivincita, preferendo riciclarsi in esperti di energia nucleare: sabato 26 febbraio è infatti programmata una iniziativa di CasaPound sul tema del ritorno al nucleare presso la Sala del Baraccano, concessa dal Quartiere Santo Stefano.

Già nel 2009, il tentativo di organizzare una iniziativa revisionista in una sala dello stesso quartiere era stato respinto e nel corso di quella mobilitazione durante un volantinaggio in quartiere, siamo stati aggrediti da militanti di Casa Pound e tre compagni sono stati denunciati e rinviati a giudizio proprio di recente.

Non inganni il tema apparentemente lontano dagli abituali terreni revisionisti e neofascisti di CasaPound: la battaglia per la riapertura delle centrali nucleari (peraltro chiuse in seguito a un referendum popolare che ha sedimentato le lotte ventennali contro l’uso del nucleare sia militare che civile) si iscrive in una retorica nazionalista, dal sapore autarchico, che si prefigge la “sovranità energetica” per l’Italia, per sganciarla dai legami con paesi quali Libia e Algeria, in un momento in cui le lotte popolari di questi e altri paesi produttori di petrolio mettono in crisi gli equilibri neo-coloniali tanto cari alle destre e chiamano in causa le nostre complicità storiche e attuali nel sostenere regimi autoritari.

Con questa iniziativa CasaPound cerca di cavalcare, per legittimarsi in città, l’ondata nazionalista e la paura dell’invasione di stranieri sollevata da un governo isolato sulla scena internazionale e incapace, in nome degli interessi energetici nazionali (e privati), di condannare l’ “amico” Gheddafi per i bombardamenti sulle popolazioni libiche in lotta.

Diventa necessario riaffermare le molteplici culture antifasciste che costituiscono questa città: rifiutiamo l’ennesima provocazione di CasaPound con le sue implicazioni razziste e patrittiche e invitiamo tutti e tutte al presidio antifascista di sabato 26 febbraio alle ore 14.00 davanti alla sede del Quartiere Santo Stefano (via Santo Stefano 119).

Riaffermiamo Bologna come città aperta e solidale, inserita in un mondo segnato dalla globalizzazione economica e dall’interdipendenza delle lotte per i diritti globali che accomunano tutti/e al di qua e al di là del Mediterraneo.

Solo un paese capace di affrontare il suo passato razzista e coloniale e di respingere il tentativo di riattivarlo nel presente da parte di questi improbabili figuri, potrà sostenere il vento di libertà che soffia sul mediterraneo e farsene trasportare.

Antagonismogay
AteneinRivolta Bologna
Atlantide
Bartleby
Circolo Anarchico C. Berneri
Facciamo Breccia Bologna
Lazzaretto Autogestito
Nodo Sociale Antifascista
Sa.Di.R.
Tpo
Utopia
Vag61
Spazio pubblico autogestito ExMercato 24

Circolo Metropolitano Panenka
Sinistra Critica Bologna
Fabbrica di Nichi Bologna
Circolo “Che Guevara” – Prc Navile
Mujeres Libres
Associazione Antigone Emilia Romagna
Collettivo Autunno Caldo
Sinistra Ecologia Libertà Bologna

Tweet about this on TwitterShare on FacebookShare on LinkedInShare on Google+Share on Tumblr


Articoli correlati