Resta “gravissimo” l’uomo che si è dato fuoco per i troppi debiti


Lo spiega il bollettino medico diffuso dall’ospedale universitario di Parma, dove è ricoverato dopo il gesto disperato messo in atto mercoledì mattina davanti all’agenzia delle entrate.

30 marzo 2012 - 18:29

E’ ancora ricoverato “in gravissime condizioni e in prognosi riservata” all’ospedale universitario di Parma, secondo l’ultimo bollettino medico diffuso nel pomeriggio, l’uomo di 58 anni che si era dato fuoco all’interno della sua auto mercoledì mattina davanti agli uffici della Commissione tributaria a Bologna.

Il gesto, secondo alcune lettere lasciate dal 58enne, è nato dalla disperazione per l’impossibilità di fare fronte alla mole di debiti e imposte da pagare.

Tweet about this on TwitterShare on FacebookShare on LinkedInShare on Google+Share on Tumblr


Articoli correlati