Scuola, RdB: i tagli scaricati sul personale Ata


Il ministero impone un taglio del 25% per la pulizia delle scuole e RdB denuncia lo sfruttamento del personale Ata.

09 febbraio 2010 - 22:26

All’interno degli istituti scolastici non ci sono più neanche i fondi necessari per la normale e quotidiana pulizia. Le cause del degrado delle strutture sono i tagli del 25% imposti dal ministero alle spese per la pulizia nelle scuole.

Per rimediare alla mancanza di denaro alcuni dirigenti caricano sempre di più di lavoro i collaboratori scolastici.

A carico dei dirigenti scolastici arriva anche la lettera di diffida delle Rdb, Rappresentanze sindacali di base, per “impedire l’ennesimo sopruso ai danni del personale tecnico-amministrativo”, chiamati anche ‘Ata’.

“Molti istituti si stanno adeguando scaricando il lavoro in più sui collaboratori scolastici- denuncia in una nota Francesco Bonfini di Rdb- tutte le scuole hanno avuto a settembre un taglio consistente del personale Ata e i dirigenti, anziché ridurre il servizio offerto dalle scuole, hanno imposto carichi di lavoro pesantissimi ai collaboratori scolastici, che ora non sono in grado di assumersi nuovi oneri”.

Ma se le mansioni di pulizia sono sempre maggiori si corre il rischio, come sottolinea Bonfini, di “distogliere necessariamente il personale dalle fondamentali attività di sorveglianza”.

Inoltre all’aumento delle mansioni lavorative i dirigenti promettono compensi aggiuntivi. “È inaccettabile in quanto i soldi vengono presi dal fondo d’istituto che e’ già una fonte del magro salario dei dipendenti e non può essere utilizzato per compensare tagli ai fondi per il funzionamento della scuola”.

Tweet about this on TwitterShare on FacebookShare on LinkedInShare on Google+Share on Tumblr


Articoli correlati