Ragazzo afgano trovato morto nei pressi dell’A14: asfissiato in un tir?


Due giorni fa era stato trovato in un frutteto nei pressi di Imola. L’autopsia ha scoperto un’alta concentrazione di monossido di carbonio nel sangue.

21 dicembre 2011 - 13:52

Sirwan Zairi era un ragazzo di appena 16 anni che fuggiva dall’Iran intraprendendo come tanti giovani della sua età il viaggio della speranza purtroppo finito in tragedia per lui. Il suo corpo è stato ritrovato in un fosso lungo la A14, in un frutteto non lontano da Imola. Addosso, documenti con un timbro iraniano e un passaporto greco. Forse era afgano, in fuga dal suo Paese, passato dalla Grecia per arrivare nel cuore dell’Europa.

Nell’autopsia che hanno fatto sul corpo di Zairi hanno scoperto un’alta concentrazione di monossido di carbonio nel suo sangue: è morto asfissiato, forse dentro un tir che trasportava altri ragazzi come lui. Forse Zairi era stato nascosto in uno spazio angusto sul camion, dove si sono concentrati i gas di scarico che l’hanno ucciso.

Sul suo corpo sono stati trovati segni di trascinamento che fanno pensare al tentativo di nascondere il cadavere, una volta scoperta la morte.

Tweet about this on TwitterShare on FacebookShare on LinkedInShare on Google+Share on Tumblr


Articoli correlati