Protesta dei senza fissa dimora in Comune contro la chiusura dei dormitori pubbici


In una ventina questa mattina si sono ritrovati a Palazzo D’Accursio e promettono di tornare anche domani.

31 marzo 2011 - 15:05

Questa mattina una ventina di senza fissa dimora hanno protestato davanti al Comune contro la chiusura del dormitorio di Via Capo di Lucca e la decisione comunale di porre fine all’emergenza freddo e con essa l’apertura delle strutture ai non residenti, “tollerata” durante l’inverno ma vietata dai regolamenti comunali.  “L’emergenza freddo e’ ancora una minaccia per molti di noi- spiega Marco, uno dei manifestanti- anche se siamo a marzo le temperature sono basse. Torneremo a manifestare domattina, saremo molti di piu’ e ci presenteremo con le valigie”. Dal Comune però nessuna risposta, “Pensano di sbatterci in mezzo alla strada senza neanche ascoltarci- continua Marco- questa mattina hanno evitato un civile incontro raccontandoci false giustificazioni”. Per il momento si sa solo che forse  l’apertura del dormitorio sarà prorogata per due mesi, ma intanto fino al 7 aprile resterà chiuso, così come verranno chiusi i posti per l’emergenza freddo nelle  altre due strutture di Lazzaretto e Beltrame. Anche l’Associazione degli avvocati di strada afferma: “L’amministrazione ha probabilmente intenzione di prorogare il fastidioso tasto dolente di Capo di Lucca a giugno, dopo le elezioni amministrative, per scaricare la responsabilita’ di una decisione cosi’ delicata al sindaco in carica”.

Tweet about this on TwitterShare on FacebookShare on LinkedInShare on Google+Share on Tumblr


Articoli correlati