Piazza Grande: “L’esclusione sociale non si supera alzando muri”


L’associazione, in una nota, si schiera con gli studenti del Copernico che hanno manfiestato contro il progetto di recizione della scuola

23 novembre 2011 - 18:01

> Il comunicato: 

L’esclusione sociale non si supera alzando muri. L’Associazione Amici di Piazza Grande ritiene inadeguata la decisione della Provincia di circondare con un cancello il Liceo Copernico per evitare il pernottamento di persone senza dimora nell’area scolastica. Pur riconoscendo il disagio che queste presenze possono causare a studenti, insegnanti e personale dell’istituto, invitiamo l’Amministrazione a considerare altre misure di intervento più efficaci e meno dispendiose. Da parte nostra mettiamo a disposizione le nostre competenze: il Servizio mobile di sostegno di Piazza Grande si impegna a monitorare la situazione nelle ore serali nei pressi del Copernico, per verificare la possibilità di inserire queste persone senza dimora nelle strutture di accoglienza.

Piazza Grande inoltre apprezza il senso civico dimostrato dagli studenti che hanno manifestato oggi contro il progetto di recinzione della scuola, allo stesso modo la disponibilità della Provincia a dialogare con loro. Dichiarazioni come quelle rilasciate dagli studenti sono indice di una coscienza civica non sempre scontata e diffusa tra i loro concittadini adulti, crediamo sia importante sottolinearlo in un momento in cui le manifestazioni studentesche sono oggetto di criminalizzazioni e banalizzazioni mediatiche.

Associazione Amici di Piazza Grande

Tweet about this on TwitterShare on FacebookShare on LinkedInShare on Google+Share on Tumblr


Articoli correlati