Pedagogia del disumano: dalla Diaz a Pomigliano d’Arco


Il giornalista Lorenzo Guadagnucci, l’avvocato Simone Sabattini e il fumettista Christian Mirra a Vag61 per un’iniziativa a cura del Centro Documentazione dei Movimenti “F. Lorusso – C. Giuliani”. Giovedì 8 luglio’010 alle 21.

07 luglio 2010 - 12:39

Giovedì 8 luglio’010 alle 21
a Vag61 in via Paolo Fabbro 110:

Lorenzo Guadagnucci
(giornalista – scrittore tra i fondatori del “Comitato verità e   giustizia per Genova”)

Simone Sabattini
(avvocato del Forum legale di Genova)

Christian Mirra
(illustratore e fumettista che presenterà la la Graphic Novel “Quella notte alla Diaz” – Guanda 2010)

La cancellazione dei diritti non è più imposizione coercitiva del potere ma rinuncia alla memoria e al futuro di un’intera società

“Questo disagio dell’inciviltà ci opprime. La svolta c’è già stata: le torture a Bolzaneto, le leggi contro i vagabondi, la caccia ai rom, la segregazione degli immigrati, i pacchetti sicurezza del centro sinistra e la scelta a favore della guerra, la violenza contro i diversi e gli Altri. La pedagogia del disumano sembra essere oggi l’unica politica possibile- I diritti conquistati nel Novecento – uguaglianza, lavoro, libertà, cittadinanza – non sono più acquisiti in forma universale ma se mai concessi in modo selettivo.”
(Tratto da: Controcanto di Marco Revelli – Collana Reverse)

Tweet about this on TwitterShare on FacebookShare on LinkedInShare on Google+Share on Tumblr


Articoli correlati