Parma / In piazza contro l’ordinanza anti-alcol del sindaco


Mercoledì 16 giugno’010 dalle 21 iniziativa di “Gener-azione precaria” in piazzale Inzani, nel quartiere Oltretorrente: in quella zona è vietato bere dopo le 17. In un’altra via il Comune userà steward e idranti.

15 giugno 2010 - 20:28

A Parma scatta un’ordinanza che vieta il consumo di alcol dopo le 17 in piazzale Inzani, nel quartiere Oltretorrente. Domani la risposta di “Gener-azione precaria, che si incontrera’ proprio in piazzale Inzani alle 21 “contro l’ennesima ordinanza che colpisce le nostre liberta’”. Il gruppo che aderisce al collettivo Spam attacca l’ordinanza del sindaco di Parma Pietro Vignali e invita a una sorta di disobbedienza civile all’insegna della “musica, del teatro e del bivacco”. L’appuntamento e’ rivolto a tutti coloro che intendono dire no “all’ennesima provocazione razzista applicata nei luoghi notoriamente frequentati dai piu’ precari: migranti, studenti e tutti coloro che non vogliono rinunciare alla socialita’ senza spendere i soldi di affitti e tasse universitarie nei bar della movida parmigiana”. Di fronte a tutto questo gli organizzatori della serata dicono “basta”. “Riprendiamoci i nostri spazi di agibilita’.  Autogestisci gli spazi, difendi il nostro vivere sociale e la nostra liberta’”.

Sempre a Parma, il Comune sfodera stewart e idranti contro la frequentazione serale di via Farini. Nel corso di un incontro in municipio tra i rappresentanti del Comitato Civico Farini, il sindaco Vignali, gli assessori competenti e il comandante della polizia municipale e’ stato deciso di anticipare l’orario di chiusura dei locali di mezzora, quindi alle 00.30 nei giorni infrasettimanali e all’una il venerdi’ e il sabato. Sara’ poi introdotto un servizio di steward per vigilare sui frequentatori, organizzato e gestito dagli esercenti. Non solo: e’ stata prevista la pulizia delle strade agli stessi orari di chiusura, col passaggio dei mezzi Enia idropulizia per spingere gli ultimio avventori ad allontanarsi.

Tweet about this on TwitterShare on FacebookShare on LinkedInShare on Google+Share on Tumblr


Articoli correlati