Papillon: “Spettacolo desolante, verificheremo di nuovo correttezza nomina Laganà”


L’associazione interviene sulla reiterata nomina dell’ex giudice onorario del Tribunale di Sorveglianza.

24 luglio 2012 - 12:13

In uno spettacolo desolante che evoca i peggiori vizi dell’italietta giolittiana o, a scelta, il celebre “Die Toteninsel” del pittore svizzero Arnold Böcklin, viene ri/nominato il Garante ai detenuti del Comune di Bologna Elisabetta Laganà. Eppure se si fosse voluto privilegiare la competenza e l’indipendenza i nomi non mancavano: Monteventi, Totire, Turco, Furfaro, Serenari. Non abbiamo molto da dire se non richiamare la nostra passata battaglia di civiltà giuridica, posto che anche questa volta andremo alla verifica della correttezza della nomina, e, data la situazione, augurare ai detenuti e alle detenute dalla Dozza buona fortuna. Per quanto riguarda la Papillon Bologna, saremo sempre al loro fianco per la difesa dei diritti e della dignità, per l’amnistia e nella continua progettazione di nuovi percorsi verso il re/inserimento socio-lavorativo.

Per la Papillon Bologna, Valerio Guizzardi.

Articoli correlati