No alla riforma Gelmini, blitz in Comune e corteo fino al 38 occupato


Striscioni dalle finestre del palazzo: «Con voi la cultura ruderi come Pompei con noi in alto come la torre di Pisa e la mole antonelliana! 30 novembre blocchiamo la riforma!».

26 novembre 2010 - 19:36

Dopo i cortei selvaggi di mercoledì e di ieri prosegue la mobilitazione contro il ddl Gelmini, che culminerà nel corteo metropolitano annunciato per 30 novembre, giorno in cui è previsto il voto sul disegno di legge alla Camera.  Nel pomeriggio di oggi blitz  in Comune di una cinquantina di  studenti universitari e medi. Dalle finestre di Palazzo D’Accursio sono stati esposti striscioni che recitano: «con voi la cultura, i ruderi come a Pompei, con noi in alto come la torre di Pisa e la Mole Antonelliana» e «In alto la cultura, in basso il fango della Gelmini, 30 novembre». Dopo l’occupazione simbolica, durata circa un’ora, gli studenti sono usciti su Piazza del Nettuno per poi percorrere in corteo volantinando e scandendo slogan via Rizzoli e via Zamboni, sciogliendosi alla Facoltà di Lettere e filosofia occupata in via Zamboni 38.

Tweet about this on TwitterShare on FacebookShare on LinkedInShare on Google+Share on Tumblr


Articoli correlati