Modena, Maserati: giudici reintegrano il delegato sindacale


Decisione, in via cautelare, del Tribunale. Fu licenziato per aver organizzato degli scioperi interni e aver partecipato alla protesta dei precari.

23 marzo 2010 - 17:47

Il Tribunale di Modena ha reintegra nel posto di lavoro alla Maserati, con procedimento cautelare, Eugenio Scognamiglio (il delegato Fiom licenziato a seguito di proteste nel dicembre 2008 e protagonista di uno sciopero della fame sospeso dopo un malore).  Il provvedimento del Tribunale risale al 16 marzo scorso.  Il collegio giudicante ha ravvisato la probabile fondatezza del ricorso e il pericolo nel ritardo della sentenza, ovvero il rischio per il delegato, in attesa dei tempi del giudizio, di non poter mantenere moglie e due figli e riuscire a pagare l’affitto, essendo rimasto senza lavoro ed avendo esaurito l’indennita’ di disoccupazione. I giudici hanno ravvisato sproporzione tra il provvedimento disciplinare di licenziamento e i fatti contestati a Scognamiglio, ovvero aver organizzato due cortei interni alla Maserati e aver partecipato attivamente alla protesta dei precari. In questa fase di giudizio non e’ dunque stata accertata giusta causa o giustificato motivo per il licenziamento.

Tweet about this on TwitterShare on FacebookShare on LinkedInShare on Google+Share on Tumblr


Articoli correlati