Modena, “il Guernica è tornato”


Dopo lo sgombero dello scorso 7 gennaio, due sere fa gli attivisti del Guernica hanno occupato un nuovo spazio a Modena. Leggi il comunicato.

02 maggio 2010 - 15:41

Oggi 30 aprile torna finalmente a prendere vita lo Spazio Antagonista Guernica, uno spazio fortemente voluto da molte realtà modenesi, dai precari che lottano ogni giorno per il loro futuro, dagli studenti che non vogliono accettare la nuova riforma che trasforma le scuole in fabbriche; dai lavoratori ormai stanchi di avere sulle spalle tutto il peso di una crisi che non hanno creato loro, ai giovani ormai soffocati in una città che non riesce più ad offrire una possibilità a chi vuole decidere della propria vita, in maniera autonoma e fuori dagli schemi che questa società ci impone.

Viviamo in una città ormai impazzita, che come unica risposta alle istanze di cambiamento riesce dare solo divieti, polizia per le strade, telecamere e controllo sociale, dove non è più possibile bere una birra per la strada con i propri amici e dove non si riesce più ad avere una socialità spontanea, fuori dalle logiche del profitto e dove tutto il divertimento è delegato ai soliti locali nei quali bisogna essere tutti conformati ad uno standard e dove bisogna spendere molti soldi.

Abbiamo occupato uno stabile vuoto da diversi anni, perché crediamo che la legalità sia far tornare vivere luoghi abbandonati destinati al degrado e non l’appellarsi delle istituzioni che non riescono o non vogliono dare soluzione e che molto spesso si rifugiano nel silenzio per non affrontare i problemi reali che viviamo tutti i giorni. E’ per questo siamo convinti che difronte al silenzio sia giusto fare qualche cosa in prima persona, per fare tornare a vivere questa città e per riprenderci il nostro futuro!

Il Guernica è un luogo aperto a tutti, un laboratorio dove iniziare a costruire rapporti sociali diversi, non basati sui canoni che questa società ci impone, ma basati su lavori quali l’antifascismo, l’antisessismo, e l’antirazzismo, dove realizzare insieme i nostri sogni tramite la pratica dell’autogestione; infatti non ci sono capi o schemi da seguire, ma tutti noi che vogliamo il Guernica siamo chiamati in prima persona a far vivere questo posto, perché difronte alle minacce di sgombero l’unica soluzione è la lotta per avere spazi di autonomia, perché

MODENA VUOLE IL GUERNICA

Spazio Antagonista Guernica

Tweet about this on TwitterShare on FacebookShare on LinkedInShare on Google+Share on Tumblr


Articoli correlati