Milano / Migranti nella precarietà, lavoro, lotte e razzismo


Agli Stati Generali della Precarietà un confronto tra le realtà antirazziste e dei migranti in lotta

12 gennaio 2011 - 11:06

> Leggi anche il programma degli Stati Generali

Coordina: Coordinamento Migranti Bologna e Provincia, Intelligence Precaria, Immigrati Autorganizzat. Sabato 15 Gennaio, Sala 2, dalle 10.00 alle 13.00.

Un momento di confronto tra diverse realtà antirazziste e migranti che hanno attraversato le città e i luoghi di lavoro contro il razzismo e contro la legge Bossi-Fini: dallo sciopero del lavoro migrante in molte fabbriche, aziende e cooperative del nord Italia lo scorso marzo, alle lotte deimigranti sulla gru di Brescia e sulla torre di Milano, passando per la prima manifestazione regionale dello scorso novembre a Bologna. Pensiamo che l’attacco attuale alle condizioni di vita e di lavoro dei migranti non sia solo l’effetto di un governo locale e nazionale a trazione leghista. Al contrario, abbiamo chiaro il ruolo che l’Italia sta giocando nel contesto europeo, e sappiamo anche che le lotte dei migranti sono lotte transnazionali che attraversano e spostano i confini del mondo globalizzato. Non solo in Italia, la condizione migrante è il segno più evidente e violento di una precarizzazione complessiva delle condizioni di vita e di
lavoro. Per questo siamo convinti che, oltre alla necessaria solidarietà, sia oggi necessario scoprire il volto comune di ogni lavoratore colpito da una crisi che investe migranti, operai e precari, attraversa le generazioni, coinvolge tutte le forme contrattuali, sfrutta il lavoro delle donne e viene perciò usata politicamente per mettere queste figure del lavoro le une contro le altre tutte. D’altra parte i comportamenti dei migranti mettono sempre più in evidenza i ritardi, l’inadeguatezza, la miseria delle risposte politiche e sindacali. Per questo riteniamo che questi Stati Generali 2.0 debbano assumere la specificità del lavoro migrante e della condizione migrante nel suo complesso all’interno della costruzione del punto di vista precario.

Tweet about this on TwitterShare on FacebookShare on LinkedInShare on Google+Share on Tumblr


Articoli correlati