Manifestazione cittadina contro la crisi


Lavoratori, precari, disoccupati, migranti e sfrattati in piazza per “per pretendere il blocco dei licenziamenti, una legge regionale sul reddito sociale, ammortizzatori sociali garantiti e blocco degli sfratti”. Sabato 23 gennaio’010 dalle 15 in piazza dell’Unità.

17 gennaio 2010 - 13:45

Non passa giorno senza nuovi annunci di licenziamenti, di messa in cassa integrazione, di pesanti ristrutturazioni aziendali, di sfratti per morosità, di restrizioni della democrazia. La crisi economica e sociale viene scaricata tutta sui lavoratori e sui settori popolari, e in questa macelleria sociale sono molti gli imprenditori che speculano, approfittando della crisi, per incrementare i propri profitti e liberarsi di lavoratrici e lavoratori.

Di fronte a questa situazione drammatica è necessario rendere comuni e unificare le tante ed importanti vertenze e mobilitazioni sparse sul nostro territorio: per rivendicare il diritto al lavoro ed al salario sociale, alla casa, per rivendicare lo stesso diritto di manifestare, di organizzarsi e di lottare nei luoghi di lavoro e nelle strade della nostra città.

Dall’amministrazione comunale al governo regionale, tutti devono dimostrare, con i fatti, la volontà politica di bloccare questo attacco alle condizioni di vita dei lavoratori: non possono bastarci i richiami alle chiare responsabilità del governo nazionale.
Resistere ed agire non per chiedere generiche e scarse misure anti-crisi ma per pretendere il blocco dei licenziamenti, una legge regionale sul reddito sociale, ammortizzatori sociali garantiti e il blocco degli sfratti.

SABATO 23 GENNAIO
Ore 15 piazza tematica contro la crisi
Ore 17 manifestazione-corteo
Piazza dell’Unità BOLOGNA

Interverranno Bande e Gruppi Musicali

Organizza:
Coordinamento 23 gennaio contro la crisi
Lavoratori, Precari, Disoccupati, Migranti, Sfrattati

Per adesioni e info: info@bologna.rdbcub.it

Tweet about this on TwitterShare on FacebookShare on LinkedInShare on Google+Share on Tumblr


Articoli correlati