Lucchetti alle scuole: “Riprendiamoci il nostro futuro”


Azione simbolica la scorsa notte in quattro scuole. Riceviamo e pubblichiamo da “Studenti in lotta per riprenderci il nostro futuro”.

05 novembre 2010 - 18:56

PacinottiIeri notte in un’azione dimostrativa con catene e lucchetti abbiamo bloccato gli ingressi di 4 scuole superiori di Bologna (Minghetti, Sabin, Righi e Pacinotti) con l’intento di alterare simbolicamente il normale fluire della vita scolastica.
Come studenti abbiamo da combattere una fondamentale battaglia, e gli interessi in gioco sono tantissimi.
Da una parte ci sono i nostri desideri dall´altra parte c´è chi ci vuole impedire di realizzarli: chi ci vuole disciplinati, subordinati alle gerarchie interne alla scuola, ad imparare nozioni che sicuramente non sviluppano un sapere critico. Così da renderci dei buoni precari, pronti a sgobbare tutto il giorno senza nessun diritto e nessuna garanzia.
In questo contesto è  facile infatti rendersi conto di come la formazione degli studenti sia sempre più messa in secondo piano rispetto al desiderio dei docenti e dei dirigenti scolastici di tenerci immobilizzati nella normale routine scolastica, con minacce di sospensione o di bocciatura con il cinque in condotta, nel caso in cui dimostriamo la volontà di esprimere una voce critica.
Vogliono far diventare le nostre scuole delle fabbriche!!!
E’ arrivato il momento in questo periodo di tensioni sociali che anche noi studenti rialziamo la testa, con atti di sabotaggio della routine scolastica, blocchi e cortei selvaggi, da oggi in poi non faremo più parte di quella fila infinita di teste abbassate.
E’ arrivato il momento di far sentire la nostra rabbia, e questo non è che l’inizio.

STUDENTI IN LOTTA PER RIPRENDERCI IL NOSTRO FUTURO

Tweet about this on TwitterShare on FacebookShare on LinkedInShare on Google+Share on Tumblr


Articoli correlati