“Lottare non è un crimine: solidarietà a Vittorio e tutte/i”


Pubblichiamo il comunicato del Nodo Sociale Antifascista che esprime solidarietà agli attivisti fiorentini raggiunti da 22 misure cautelari il 4 maggio scorso. Tra di loro Vittorio, attivo per anni nel movimento bolognese

11 maggio 2011 - 23:39

Lottare non è un crimine: Solidarietà a Vittorio e tutte/i

I compagni e le compagne del Nodo Sociale Antifascista sono solidali con Vittorio, che abbiamo incrociato nei suoi anni a Bologna e anche dopo, e con tutti coloro che in questi anni di costante regressione civile e repressione diffusa si agitano per una società giusta.
I compagni di Firenze non hanno per noi nessuna colpa, ma un grande merito: quello di essere antifascisti. Li sappiamo in piazza a lottare contro lo smantellamento dell’istruzione pubblica, il razzismo, la repressione di stato, vecchi e nuovi fascismi.

Esigiamo la liberazione di chi è dentro e l’immediato rigetto delle misure cautelari per Vittorio e per tutti gli attivisti colpiti dall’inchiesta fiorentina. Un inchiesta che presenta un impianto accusatorio aberrante: con l’accusa di associazione a delinquere, squalifica in toto come attività criminosa la lotta politica, che per quanto radicale non è altro che libera espressione del pensiero e della volontà di trasformazione.

Qualcosa di non troppo dissimile è successo il mese scorso a Bologna, con l’inchiesta Outlaw che ha colpito 27 attiviste e attivisti, cinque dei quali ancora detenuti in carcere. Invitiamo a stringersi attorno a tutte e tutti coloro che, per le proprie lotte, in questo momento sono colpiti da una “giustizia” sempre più vile.

Libertà per tutte/i

Nodo Sociale Antifascista – Bologna

del Nodo Sociale Antifascista
Tweet about this on TwitterShare on FacebookShare on LinkedInShare on Google+Share on Tumblr


Articoli correlati