Lecce / A Nardò si ribellano i lavoratori agricoli migranti


Da giorni scioperi a oltranza e blocchi. Pubblichiamo un comunicato del Coordinamento Migranti di Bologna e un articolo dal blog Lavoro Migrante

05 agosto 2011 - 12:49

> Il comunicato:

Sciopero migrante: contro lo sfruttamento, con i lavoratori di Nardò

Nella fabbrica verde di Nardò lo sciopero del lavoro migrante va avanti da sabato 30 luglio. I lavoratori migranti si rifiutano di continuare la raccolta per arricchire chi, attraverso i caporali, gioca in continuazione al ribasso sui loro salari e sulle loro vite. I caporali, infatti, sono solo l’ultimo gradino di un sistema di comando sul lavoro migrante che vede poche aziende agricole fare profitti, mentre i migranti devono accettare, nel migliore dei casi, 6 € per un cassone da 100 chili di pomodori. Il salario però può anche essere di soli 2€ per cassone ora che il ricatto
si fa più forte, ora che la concorrenza scatenata dalla chiusura della raccolta delle angurie comincia a pesare. Sono centinaia i migranti che trovano appoggio nella masseria Boncuri, il luogo da cui è nata la protesta. Provengono dall’Africa del nord e da quella sub-sahariana, alcuni sono arrivati dalla Libia dopo le grandi rivolte del Maghreb. Molti si sono riversati nella raccolta perché espulsi dalle fabbriche del nord d’Italia, altri sono lavoratori stagionali che conoscono bene la realtà del caporalato, l’hanno già vista nel foggiano, la vedranno a Rosarno quando ricomincerà la raccolta delle arance. E quest’esperienza va ben oltre la differenza di lingua e di provenienza. Quello che conta è la convinzione che questo sfruttamento deve avere fine e che lo sciopero è l’unico modo per affermare la propria forza.

Questa è la lotta degli operai della fabbrica verde di Nardò, che hanno avuto la capacità di organizzarsi autonomamente, nonostante la radicale precarietà delle loro condizioni di lavoro e di vita. Questa è la lotta di tutti i migranti sotto il regno della legge Bossi-Fini. Questa è la lotta di tutti i lavoratori, che conoscono bene quel sistema di sfruttamento che si gioca al ribasso sulla loro pelle, attraverso le lunghe catene di appalto che sono la norma non solo nei campi, dove hanno la faccia del caporale, ma anche all’interno delle fabbriche e dei servizi.

La posta in gioco nella lotta di Nardò è molto alta: si tratta di spezzare un sistema violento che ogni anno ritorna uguale a se stesso anche nella democratica Puglia. Non si tratta solo di eliminare gli odiati caporali, ma di riconoscere la forza del lavoro migrante al sud come al nord, per l’abolizione della legge Bossi-Fini, per una regolarizzazione slegata dal lavoro e dal salario, contro la precarietà. Per questo siamo al fianco dei lavoratori della masseria Boncuri, sostenendo il loro sciopero così come tutte le forme di lotta che loro decideranno, e partecipando all’assemblea che terranno sabato sei agosto.

Coordinamento Migranti Bologna e Provincia

* * * * * * * * * *

> Dal blog Lavoro Migrante

Quando migrano le lotte: lo sciopero nella fabbrica verde di Nardò (Lecce)

di Paola Rudan e Devi Sacchetto

Sciopero ora! È la parola d’ordine che risuona da sabato nella masseria Boncuri di Nardò, a pochi chilometri da Lecce. A gridarla da un megafono sono lavoratori africani giunti da varie parti d’Italia per la raccolta. Chiusa in fretta quella delle angurie, con il 60% del raccolto lasciato a marcire nei campi – complici le importazioni a prezzi stracciati da Grecia e Turchia – i migranti si sono riversati sui pomodori. Anche per questo il salario imposto dai caporali, tutti a loro volta africani, è ancora più basso dell’anno scorso: 3,5 euro per cassone di 100 chili per i pomodori grandi, 7 euro per il ciliegino. Sabato mattina, quando a questo si è aggiunta la richiesta di selezionare il prodotto sui campi prima di infilarlo nei cassoni, è partita spontanea la protesta. Una quarantina di lavoratori si sono rifiutati di continuare il lavoro e son tornati alla masseria, dove da due anni l’associazione Finis Terrae e le Brigate di solidarietà attiva (Bsa) li sostengono per soddisfare alcuni dei bisogni quotidiani e con la campagna “Ingaggiami. Contro il lavoro nero”, iniziata nel 2010. Dopo una veloce riunione alle sei e mezza del mattino, i migranti decidono per il blocco della vicina strada statale che dura però poco a causa dell’immeditato intervento della polizia. La protesta si conclude con la convocazione di un’assemblea nella masseria per il sabato sera da parte della Flai-Cgil locale, arrivata buon’ultima a sostenere le ragioni dei migranti. Il primo a presentarsi è un caporale tunisino, per pagare la settimana di lavoro ed evidentemente per capire la situazione. Rimane poco e poi se ne va, mentre la tensione tra i circa 300-350 lavoratori presenti nella masseria si taglia a fette. Si reclamano aumenti salariali e contratti di lavoro. L’anno scorso le organizzazioni padronali avevano sottoscritto circa 170 contratti, anche sotto la spinta delle prime forme di organizzazione autonoma dei migranti per reclamare migliori condizioni di lavoro. Oggi con un solo contratto, confezionato su misura dai caporali, lavorano anche diverse persone. Ma è difficile pensare che il sistema sia retto solo da caporali stranieri.
Certo, sono loro che gestiscono il mercato del lavoro nella raccolta dei cocomeri e dei pomodori: “un tunisino è il capo dei caporali e poi ci sono sudanesi, ghanesi. Ognuno cerca di assumere i suoi connazionali”, afferma Francoise, un trentenne togolese da quattro anni in Italia. Ogni caporale straniero recluta le sue squadre di lavoro alle quattro del mattino, sulla base di una trattativa al ribasso sul salario. I lavoratori conoscono la realtà del lavoro migrante, così come sanno che ci sono “diverse categorie di migranti”, che quelli senza un permesso di soggiorno accettano, talvolta, le condizioni salariali peggiori. Sono gli effetti ordinari della Bossi-Fini, che si fanno sentire dalle fabbriche del nord alla fabbrica verde del sud d’Italia. I lavoratori reclutati sono stipati nei pulmini: “il trasporto si paga tre euro, ma poi nei campi ti fanno pagare anche il panino, l’acqua, le sigarette”, racconta Abdellah un tunisino che da settembre a giugno lavora nell’agricoltura del trapanese. E i rumors tra i migranti sono che il datore di lavoro paghi 10 euro per cassone con pomodori grandi, 15 euro per il ciliegino: 6-7 euro a cassone si dividono tra le vari intermediazioni che nessuno conosce bene. Per questo i lavoratori in sciopero pretendono di “trattare direttamente con le aziende”.
Questo sistema di mediazione – che ricalca per certi versi l’organizzazione frammentata ed esternalizzata del lavoro industriale – è la forma consolidata della produzione e dello sfruttamento nell’agricoltura, che si regge sempre più, quando non esclusivamente, sul lavoro migrante. A monte ci sono cinque, sei aziende: 600-700 ettari ciascuna destinati a cocomeri e pomodori. Esse affidano talvolta ad altre imprese il lavoro di raccolta, seguendo le regole del sub-appalto: vendere i prodotti sui campi e quindi affidare ai sub-appaltatori oneri e onori della raccolta e della commercializzazione. Una strutturazione produttiva continuamente modificata poiché essa funziona come uno spazio politico nel quale le convenienze cambiano rapidamente. Catene del sub-appalto e del caporalato si intrecciano in modo stretto.
Il caporalato trae linfa vitale dall’isolamento della manodopera: le condizioni di vita e di lavoro peggiorano, infatti, quando i lavoratori sono sistemati in luoghi lontani dai centri abitati, come l’esperienza delle campagne foggiane è lì a dimostrarci. Il costo dell’acqua, del cibo, del trasporto, delle sigarette lievita, e diventa impossibile uno scambio di esperienze e forme di organizzazione. I migranti che scendono dal settentrione ben conoscono il legame tra isolamento fisico, sociale e politico: il miracolo del nordest fatto di piccole imprese disperse in mezzo alle campagne si è retto anche su questo. Eppure, queste campagne salentine, grazie anche a Finis Terrae e alle Bsa, sembrano in grado di produrre nuove relazioni sociali aggreganti e forse anche un reciproco tendenziale riconoscimento di una comunanza di destino.
Quest’anno l’organizzazione autonoma dei lavoratori migranti sembra più articolata, forse anche perché il lavoro è scarso e il malcontento diffuso: in molti hanno lavorato non più di tre, quattro giorni nell’ultimo mese e mezzo. Dopo la disastrata raccolta dei cocomeri un cospicuo numero di tunisini se n’è andato e il campo è composto prevalentemente da migranti sub-sahariani, tutti maschi dai 25 ai 40 anni circa, sebbene qualcuno arrivi anche ai 50 anni. Tra i lavoratori africani, accanto a un cospicuo numero di richiedenti asilo, vi sono operai espulsi dalle fabbriche settentrionali alla ricerca di un ammortizzatore sociale durante i mesi estivi, oppure braccianti moderni che seguono le raccolte: Foggia, Palazzo San Gervasio, Rosarno. Solo una piccola parte è sprovvista del permesso di soggiorno, mentre più consistente è il numero di quanti possono contare su un permesso umanitario o sono in attesa dello status di rifugiato. Tra gli irregolari, molti sono usciti da poco da un centro di detenzione dopo aver attraversato il Mediterraneo in fuga dal conflitto libico. Ospitati in 28 tende messe a disposizione dalla provincia di Lecce oppure arrangiandosi con tende personali, possono usufruire dei servizi base: acqua potabile, docce calde, water chimici, corrente elettrica, presenza di un medico dell’Asl locale dalle 17 alle 22, assistenza legale. Il cibo viene preparato, per 3-4 euro a pasto, da altri migranti che si dedicano esclusivamente a questa attività in baracche collocate nell’area della masseria.
Burkinabé, ghanesi, sudanesi, tunisini sembrano decisi a resistere. Eppure le pressioni sono forti: Ivan, uno studente camerunense del Politecnico di Torino, vero leader della protesta, all’assemblea di lunedì sera al megafono di fronte alle televisioni locali spiegava con assoluta calma di aver ricevuto minacce di morte da parte dei caporali. Nessuno dubitava delle sue parole. Ma anche stamani alle tre del mattino i più combattivi tra i migranti hanno costruito sbarramenti di fortuna per impedire ai caporali di caricare qualche crumiro. Mentre i giornali locali, La Gazzettadel Mezzogiorno in prima fila, cercano di spegnere l’incendio scrivendo che la maggior parte dei migranti vuole tornare al lavoro.
La lotta di questi giorni non si è strutturata attorno a una linea comunitaria. I lavoratori migranti di Nardò non condividono lingua o nazionalità, ma un obiettivo – il miglioramento delle condizioni salariali e di lavoro – e l’idea che sia lo sciopero lo strumento attraverso il quale conseguirlo. Uno sciopero praticato nonostante la precarietà radicale delle condizioni di vita e di lavoro, uno sciopero fatto anche per quanti più ricattabili dalla clandestinità che la Bossi-Fini sistematicamente produce. “Salento: sole, mare e sfruttamento”, recitava una scritta di qualche anno fa’ su un muro di un paesino poco lontano da Nardò: i coraggiosi lavoratori africani sembrano in grado di far cambiare il vento.

Tweet about this on TwitterShare on FacebookShare on LinkedInShare on Google+Share on Tumblr


Articoli correlati