“Le coop lasciano a casa prima gli stranieri”


Lo afferma il presidente del Consiglio provinciale degli stranieri. E’ questa la famosa “responsabilità sociale” del mondo cooperativo?

18 gennaio 2010 - 19:12

Spesso, di fronte alla crisi, accade che “le cooperative scelgano di lasciare a casa i lavoratori stranieri piuttosto che gli italiani”. E’ l’accusa di Bouchaib Khaline, presidente del Consiglio provinciale degli stranieri di Bologna. In molti casi, aggiunge, “questi lavoratori sono soci e non possono essere licenziati, ma vengono lasciati a casa e non percepiscono reddito”. Khaline, sulla base delle segnalazioni ricevute, aggiunge un’altra accusa: “Molti stranieri scoprono che in realta’ la cooperativa per cui lavorano non ha versato i loro contributi”.

Tweet about this on TwitterShare on FacebookShare on LinkedInShare on Google+Share on Tumblr


Articoli correlati