L’AulaC conferma la frocessione: “Denuncia ironica della misoginia e dell’omofobia del Vaticano”


In questi giorni si erano espressi contro l’iniziativa dell’aula autogestita di Scienze Politiche il sindaco Merola e esponenti del centrodestra cittadino. Domani ore 19 assemblea pubblica in facoltà

29 novembre 2011 - 17:32

> Il comunicato:

…MEROLA S’è DECISO, A MANDARCI IN PARADISO?
Ché all’inferno ci siamo già!

Come assemblea di gestione dell’Aula C non possiamo che rallegrarci di tutta la pubblicità che i migliori canali informativi del cittadino-medio stanno facendo all’iniziativa anticlericale che abbiamo deciso di ospitare: l’ormai famosa FROCESSIONE.
La Frocessione è volta a denunciare -con l’arma dell’ironia, ahìnoi, sconosciuta ai più – la misoginia e l’omofobia del vaticano, oltre alle evidenti ingerenze clericali in quello che dovrebbe essere un paese laico, che inquadriamo in un disegno di più generale connivenza e servilismo della chiesa rispetto al sistema capitalista.

Apprendiamo che l’iniziativa ha suscitato l’indignazione degli incravattati e delle imbellettate politicanti dell’amministrazione comunale, dei quali riteniamo interessante evidenziare la coerenza politica e umana:

chi taccia di omofobia gli organizzatori della Frocessione, sono gli stessi impegnati in questi giorni a chiudere le porte della Consulta delle famiglie alle associazioni delle famiglie omosessuali;

chi è già ricorsa a intimidazioni legali PREVENTIVE, invitando peraltro le associazioni omosessuali a schierarsi contro questa blasfema parata, non è altro che la cognata del padrone di casa UDC, il beneamato Casini, la cui visione di società si basa su un’ostentata, rigida concezione di famiglia (come formata esclusivamente da un uomo e una donna, e solo se sposati), apertamente contraria all’aborto e alla RU486 e contraria a una legge laica e civile sul testamento biologico. Quindi, associazioni omosessuali, se proprio ritenete giusto schierarvi, fate un po’ voi!

Al capogruppo del PDL, che -come tutti sappiamo- è il partito che meglio si batte sul fronte del buongusto e del rispetto della sensibilità cattolica, tanto da proporre l’uso di icone e simboli religiosi addirittura nei propri giochini erotici, facciamo notare che l’Aula C non ha alcun tipo di rapporto con l’amministrazione comunale, nessuna convenzione di sorta, in quanto si situa all’interno dell’Università, nella Facoltà di Scienze politiche, spazio per eccellenza dedicato alla produzione e al libero scambio di idee, anche nel caso queste risultino poco vicine alla conformità.

Alla “interior designer della Lega Nord, specializzata in locali pubblici e creazione di marchi pubblicitari”, che definisce la Frocessione “un’iniziativa a dir poco riprovevole” -forse in base al mancato rispetto di particolari canoni “artistici” di cui sono pregni i manifesti xenofobi della Lega Nord- e che si è detta determinata ad intervenire durante il prossimo laboratorio scenografico in preparazione della blasfema parata, suggeriamo di risparmiarsi la fatica, in quanto l’Aula C è uno spazio antirazzista e antisessista che, in quanto tale, non tollera la presenza di xenofobi al suo interno, né tantomeno quella dei giurati di Miss_Padania_che_non_esiste. Nel caso decidesse di passare comunque, le comunichiamo che in Aula C vige una sola regola-madre, ovvero che non ci sono capi, quindi, se vuole venire a costruirsi il suo costume da valkiria celtica può partecipare come tutti. Se invece vuole venire a darci lezioni di morale ed estetica, ha sbagliato post o (oltre che partito), torni a proporre certe critiche all’Accademia.

Soddisfatti e gongolanti per aver acceso un dibattito tanto scomodo, che ha evidenziato l’ipocrisia della classe politica bolognese, sempre troppo impegnata a fare demagogia, piuttosto che ad occuparsi dei problemi reali, rilanciamo la Frocessione che avrà luogo l’8 dicembre e invitiamo tutta la cittadinanza laica a partecipare a questo momento “di dissacrante e blasfema socialità” e all’assemblea pubblica di preparazione dell’evento che si terrà domani 30novembre alle ore 19 nella Facoltà di Scienze politiche…alla faccia di tutti i benpensanti!

Assemblea di gestione dell’ “ormai tristemente nota” Aula C

Tweet about this on TwitterShare on FacebookShare on LinkedInShare on Google+Share on Tumblr


Articoli correlati